Crea sito
creatività distrazione Northwestern University psicologia studi

Vi distrate facilmente? No problem, spesso la distrazione è legata a forte creatività secondo uno studio della Northwestern University

Di Jennifer Delgado

Si dice che Darwin, Cechov e Proust erano persone che si distraevano facilment, anche se questo non ha impedito loro di sviluppare le proprie teorie e scrivere i loro capolavori. E anche se nella nostra cultura il potere dell’attenzione e della concentrazione sono spesso esaltati, si deve ammettere che la creatività va spesso di pari passo con la distrazione.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Uno studio condotto presso la Northwestern University, ha scoperto che le persone particolarmente creative faticano ad evitare i rumori di fondo dell’ambiente, il clacson, un rubinetto che perde o le persone che parlano in ufficio. Queste persone hanno dei filtri sensoriali più sensibili, che contribuiscono a limitare la loro capacità di concentrazione, ma allo stesso tempo gli permettono anche di integrare idee diverse, che è una delle chiavi della creatività.

Infatti, si racconta che Proust aveva isolato la stanza in cui scriveva e utilizzava anche dei tappi per le orecchie. Solo così riusciva a concentrarsi. Wagner diceva che la sua maggiore necessità per comporre un brano musicale erano la quiete, il silenzio e la calma, mentre Kafka diceva che aveva bisogno di solitudine per scrivere.

La distrazione: Un fattore necessario per la creatività

All’esperimento in questione hanno partecipato 84 persone. La loro creatività viene valutata in due modi diversi: la prima prova consisteva nel cercare un finale creativo per alcune storie. Maggiore era il numero dei finali e quanto più originali fossero, tanto più valevano nella valutazione della creatività. La seconda prova consisteva nel trovare soluzioni creative ai problemi della vita quotidiana. In questo modo si identificarono le persone più creative.

In seguito venne misurata l’attività elettrica del loro cervello alla ricerca di segnali che indicassero l’abilità per filtrare automaticamente le informazioni indesiderate. Per fare questo, gli si fece sentire il suono di due clic in cuffia, separati l’uno dall’altro da 500 millisecondi. La maggior parte delle persone ha mostrato una forte eccitazione fisiologica sentendo il primo clic ma in seguito inibiva il secondo. Tuttavia, questo non avveniva con le persone creative.

Queste persone continuavano a mostrare una forte attivazione al secondo clic, il che rivelava che i loro filtri per fermare le informazioni irrilevanti non funzionavano molto bene. Questi risultati indicano che distrarsi facilmente non è così male come si pensa.

La relazione nascosta tra creatività e distrazione

I filtri sensoriali permettono di rilevare gli stimoli irrilevanti dall’ambiente e inibirli, in questo modo possiamo rimanere concentrati su ciò che stiamo facendo. Tuttavia, studi recenti indicano che a volte nel processo creativo è necessario che questi filtri lascino passare alcune informazioni.

Consentendo ad una maggiore quantità di stimoli di arrivare alla nostra coscienza, aumentano le probabilità che possiamo ricorrere a nuove combinazioni, diverse e originali. In pratica, nelle prime fasi del processo creativo, la distrazione ci permette di trovare più risposte in quanto integra le idee che altrimenti sarebbero sfuggite al nostro centro dell’attenzione.

Se siamo in grado di convogliare questi stimoli nella direzione giusta, allora la distrazione ci permetterà di vivere una vita più ricca di stimoli ed esperienze che possono scatenare la creatività.

TITOLO ORIGINALE ARTICOLO:”Vi distraete facilmente? Meglio!”

FONTE:http://www.angolopsicologia.com/2015/08/distrazione-intelligenza.html

Related posts

Un’arma segreta contro gli attacchi di panico

GLI SCHEMI MENTALI SECONDO ANTHONY ROBBINS

informazione-consapevole

Le rivolte di domani saranno per il cibo, e l’Italia è in prima linea

informazione-consapevole