Cambiamento Europa ideali Italia opinioni politica Rivoluzione consapevole Senza categoria Società UE

Verso una rivoluzione politica



Di Salvatore Santoru

La voglia di cambiamento è sempre più forte nella nostra società.

In Europa e in Italia sta montando una sempre più crescente insofferenza e rabbia verso le classi dominanti politiche ed economiche, sinora rimasta latente.

La corruzione e l’ipocrisia che per anni e anni è stata da loro perpetuata, non è più sopportabile.

Sino ad ora tali sensazioni sono state vissute molto confusamente, e a parte un generico populismo non esiste ancora un’ideale che riesca da fare da collante e orienti, ma tutt’al più solitamente ci si rifà a quella o l’altra ideologia del passato, di sinistra o di destra.

Cioè non è di per sé un fattore negativo, difatti come affermato da Erich Fromm :

 Tutti i veri ideali hanno un elemento in comune: esprimono il desiderio di qualche cosa che non è ancora realizzato, ma che è desiderabile ai fini dello sviluppo e della felicità dell’individuo ” .

Cioè che manca è un nuovo ideale e una chiara visione politica, che sappia andare oltre le narrazioni ideologiche dominanti, siano esse di destra come di sinistra, servendo come guida nella realizzazione di un serio cambiamento politico e sociale.

Inoltre è assente un progetto costruttivo, che serva per trasformare la giusta indignazione popolare in proposte e azioni concrete e costruttive, invece di far sì che esse finiscano per essere sprecate e alimentare tendenze distruttive e disfunzionali.

Sinteticamente, bisognerebbe far sì che la rabbia e l’indignazione non vengano dissipate in un’ ondata  puramente nichilista senza scopo, ma gestite e “sublimate” al meglio per garantire la riuscita di una seria rivoluzione,di una Rivoluzione Consapevole che miri a sradicare corruzione e ingiustizie, e riportare le persone al centro della politica.

Related posts

4 scoperte che non si trovano nei libri di autostima

informazione-consapevole

Il capo della polizia Pansa:”ci sono sospetti che i terroristi siano coinvolti nel traffico di migranti”

Osama Al Mohsen, il profugo siriano sgambettato dalla giornalista ungherese accusato da alcune pagine Facebook di essere un simpatizzante di Al Qaeda. Probabilmente si tratta di bufala, intanto proviamo a fare chiarezza

informazione-consapevole