Crea sito
afroamericani democratici Facebook news politica Rand Paul repubblicani USA Zuri Davis

USA:ragazza afroamericana insultata su Facebook per essere una supporter di Rand Paul

Zuri Davis (left) and friends. (Image source: Facebook)

Di Salvatore Santoru

Secondo quanto riportato da “Blaze” e da altri media statunitensi, una ragazza afroamericana di 19 anni,Zuri Davis, su Facebook è stata insultata per essersi schierata politicamente con Rand Paul, candidato nell’ala “libertarian” del Partito Repubblicano e noto per le sue posizioni scomode contro guerre e tasse, che la stessa Davis ha definito il politico “con la mente più aperta”.

L’insulto, a quanto sembra e si può ben capire, è arrivato da un ragazzo seguace dei democratici e dell’ideologia liberal (forse degli stessi Clinton e Obama), che ha attaccato la Davis in quanto è una ragazza afroamericana che si è schierata con quello, che nella sua testa, sarebbe un “razzista, sessista e testa di cazzo” come il resto del suo partito, non accorgendosi che l’unico/a a dimostrare di essere razzista e sessista è proprio lo stesso ragazzo, tra l’altro con una visione del mondo abbastanza annebbiata dall’ideologia.<

br />
Image source: Facebook

A parte che il fatto che Rand Paul con il resto dei repubblicani non ha nulla a che vedere, tanto che “stranamente” democratici e repubblicani medi nello screditarlo sono fedeli alleati, e che l’accusa di “razzismo” e “sessismo” è semplicemente ridicola visto che parla di tutelare i diritti individuali di tutti( e non i privilegi di maggioranze o minoranze, come fanno i repubblicani “conservatori”/democratici “progressisti”), c’è da segnalare che secondo questo e tanti altri “ortodossi ideologisti”, un appartenente alle cosiddette minoranze deve per forza essere schierato con l’ala liberal e/o “democratica”, e in generale della cosiddetta “sinistra”, dalla parte dei politici e delle lobby che parlano ogni giorno di diritti delle minoranze, ma che nei fatti in buona parte si fanno solo i loro interessi, come quelli di “destra”.

La verità in fin dei conti è che Rand Paul dà fastidio sia all’establishment, sia ai vertici del partito repubblicano o di quello democratico, sia ai militanti ideologizzati di “opposte fazioni” perché si oppone alle guerre, alle tasse, alla corruzione e ai privilegi, e il suo è un programma realista e basato sul rispetto e sula tutela dei diritti dell’individuo, al di là del gruppo a cui appartiene, e questo non può essere tollerato da chi, sui concetti di “maggioranze” e “minoranze” ci campa e specula.

Per approfondire:http://www.theblaze.com/stories/2015/04/24/what-i-saw-disgusted-me-black-rand-paul-supporter-saw-this-comment-about-her-had-to-speak-out/

http://rare.us/story/is-it-okay-for-someone-who-looks-like-me-to-stand-with-rand/

Related posts

Genova, sardo trovato morto: forse qualcuno incassava la pensione

Schiaffo alla Merkel: il Senato dei Laender boccia il fiscal compact

ADDIO AL GIORNALISTA UDO ULFKOTTE, FU UN FORTE CRITICO DELL’ATTUALE SISTEMA MEDIATICO OCCIDENTALE

informazione-consapevole