Crea sito
democratici elezioni Usa Hilary Clinton news pensiero liberal Senza categoria USA

USA:il liberal Bernie Sanders sfiderà da sinistra Hillary Clinton per le primarie dei democratici

http://www.politico.com

Di Orlando Sacchelli

Hillary Clinton modifica la grafica del proprio logo su Facebook, per rendere omaggio alle coppie gay di tutta America. L’ex First Lady ha sostituito il patriottico bianco, rosso e blu sul diagramma a forma di “H” tagliata da una freccia – il marchio della sua candidatura alla Casa Bianca 2016 – con i colori dell’arcobaleno, simbolo delle campagne degli omosessuali per la parità dei diritti. La svolta coincide con l’inizio del dibattito alla Corte Suprema dei ricorsi che potrebbero portare, in giugno, a legalizzare i matrimoni tra gay in tutti gli Stati Uniti.
HillaryFacebook
Intanto spunta un primo sfidante democratico per Hillary. Si tratta del settantatreenne senatore democratico Bernie Sanders. Eletto in Vermont, rappresenta l’ala liberal del partito democratico ed è vicino alle posizioni della senatrice Elizabeth Warren, “paladina” dei consumatori e protagonista di molte battaglie anti-Wall Street (la Warren più di una volta ha detto che non si cabdiderà). Sanders dovrebbe incentrare la sua campagna elettorale soprattutto su tre temi: riforma della finanza, cambiamenti climatici e disuguaglianze di reddito.
BernieSandersIl senatore del Vermont si è dichiarato contrario – come la Warren – alla Trans-Pacific Partnership, la zona di libero scambio che eliminerebbe le barriere commerciali tra Usa, Canada e alcune nazioni della regione Asia-Pacifico. “Se si vuole capire perché la classe media in America sta scomparendo e perché abbiamo la maggiore disparità di ricchezza e di redditi dagli anni Venti, è necessario affrontare la questione del commercio”, ha detto Sanders in un’intervista alla Vermont Public Radio. “Tutte le grandi aziende vogliono continuare questa politica commerciale. Wall Street vuole continuare questa politica commerciale. Le aziende farmaceutiche vogliono continuare questa politica commerciale. Ma le organizzazioni che rappresentano i lavoratori americani e l’ambiente vogliono nuove politiche”.
Sanders è il primo democratico a sfidare la Clinton. L’ex governatore del Maryland,Martin O’Malley, dovrebbe annunciare la propria candidatura a maggio. Sanders e altri democratici liberali stanno facendo pressioni su Hillary affinché assuma posizioni più di sinistra, soprattutto sul Ttip (Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti), che secondo il senatore ha un effetto negativo sul mercato del lavoro e favorisce (troppo) le grandi multinazionali.
Difficile che Sanders possa seriamente impensierire la Clinton. Secondo un sondaggio effettuato a marzo da Cnn e Orc International, in campo democratico sembra non esserci storia: la proiezione mostra infatti come la Clinton possa contare sul 62% dei consensi, rispetto al 3% di Sanders. Ma è ancora presto per tirare le somme.
Il senatore indipendente Bernie Sanders ha annunciato che sfiderà Hillary Clinton alle prossime primarie del partito democratico statunitense. “Dopo un anno di viaggi, discussioni e dialogo, ho deciso di candidarmi per la nomination democratica alla presidenza” ha scritto Sanders in un’email indirizzata ai giornalisti e ai suoi sostenitori. In un’intervista a Usa Today, il liberal 73enne aveva già confessato la sua intenzione di “correre per vincere”.
“Credo che le persone vogliano un cambiamento sostanziale in modo che il governo lavori per la gente comune e non solo per i miliardari” ha aggiunto il senatore del Vermont, 73enne originario di Brooklyn. Sanders è considerato un progressista di sinistra: rispetto a Clinton ha per esempio votato contro l’intervento militare in Iraq.

Related posts

I raid Usa in Siria che aiutano Al Qaeda

#EURO 2016, NON SOLO HOOLIGANS: TIFOSI IRLANDESI CHE AIUTANO UN’ANZIANO A CAMBIARE UNA RUOTA

L’evoluzione secondo Gurdjieff