Crea sito
critica sociale cultura falsa uguaglianza ingegneria dell'uguaglianza Italia Libri Pasolini Senza categoria Società uguaglianza imposta

Una falsa uguaglianza

“Il Potere ha deciso che siamo tutti uguali”.
 L’ansia del consumo è un’ansia di obbedienza a un ordine non pronunciato.
Ognuno in Italia sente l’ansia, degradante,di essere uguale agli altri nel consumare, nell’essere felice, nell’essere libero: perché questo è l’ordine che egli ha incosciamente ricevuto,e a cui “deve” obbedire, a patto di sentirsi diverso. Mai la diversità è stata una colpa così spaventosa come in questo periodo di tolleranza. L’uguaglianza non è stata infatti conquistata, ma è una “falsa” uguaglianza ricevuta in regalo. Una delle caratteristiche principali di questa uguaglianza dell’esprimersi vivendo, oltre alla fossilizzazione del linguaggio verbale, è la tristezza: l’allegria è sempre esagerata, ostentata, aggressiva, offensiva. La tristezza fisica di cui parlo è profondamente nevrotica. Essa dipende da una frustrazione sociale. Ora che il modello sociale da realizzare non è più quello della propria classe, ma imposto dal potere, molti non sono appunto in grado di realizzarlo. E ciò li umilia orrendamente…Non è la felicità che conta? Non è per la felicità che si fa la rivoluzione? Oggi , questa felicità – con lo Sviluppo- è andata perduta. Ciò significa che lo Sviluppo non è in nessun modo rivoluzionario, neanche quando è riformista. Esso non dà che angoscia.

Pier Paolo Pasolini

Tratto da “Scritti Corsari“, capitolo su “La rivoluzione antropologica in Italia” di Pier Paolo Pasolini

http://websulblog.blogspot.it/2013/01/una-falsa-uguaglianza.html

Related posts

Descrizione della New Age

Mussolini e la spada dell’Islam: i rapporti tra il fascismo e il mondo arabo-musulmano

Svolta green del Senato: arrivano le auto elettriche

1 comment

Cavaliere oscuro del web Gennaio 13, 2013 at 6:25 pm

L'attuale situazione.Saluti a presto.

Comments are closed.