Crea sito
antiterrorismo news Senza categoria terrorismo islamico UE

Terrorismo, il piano della Ue: schedati i passeggeri e il web



Di Sergio Rame

L’Unione europea prova ad armarsi contro il fondamentalismo islamico. A Bruxelles stanno, infatti, cercando di mettere a punto un piano operativo per contrastare il jihad e prevenire attaccchi come quello che lo scorso 13 novembre ha messo in ginocchio la Francia.

Nella bozza articolata in cinque punti, la misura più dura riguarda sicuramente le frontiere dell’area Schengen: tutti i passeggeri dei voli saranno schedati e i dati verranno conservati per essere a disposizione delle forze dell’ordine. Novità importanti riguarderanno poi il web che sarà controllato periodicamente. I contenuti ritenuti più pericolosi saranno censurati o rimossi. Le chat, anche quelle sulle “piattaforme non convenzionali” come le console per videogiochi, saranno accessibili agli investigatori.
Come spiega Repubblica, l’obiettivo di Bruxelles è approvare entro la fine dell’anno le norme che regolano la gestione dati dei passeggeri e i controlli sul web. Per gli altri punti del piano, tra cui le misure più restrittive sull’acquisto e il commercio delle armi, bisognerà aspettare i primi mesi del 2016, anche se all’interno dell’Unione europea c’è chi assicura che anche per questa seconda parte della normativa la tempistica resterà serrata. L’obiettivo principale resta, però, la stretta a internet che, come hanno dimostrato il blitz alla redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo e i più recenti attacchi a Parigi, è il principale strumento per reclutare aspiranti jihadisti e soprattutto organizzare materialmente gli attentati. “In rete – si legge in uno stralcio del documento anticipato da Repubblica – ci sono 46mila account Twitter che vengono usati dai sostenitori dell’Isis dai quali quotidianamente vengono diffusi almeno 90mila tra tweet e interventi su altre piattaforme”. Per contrastare questo profluvio di odio gli esperti dell’Unione europea stanno studiando un protocollo antiradicalizzazione, l’European Union IT form. Il prossimo 3 dicembre i ministri degli Interni Ue incontreranno i giganti del web (Twitter, Facebook, Microsoft, Apple, Archive.org) per arrivare alla costituzione della Piattaforma centrale europea.
“Con l’industria del web – anticipa Repubblica – il 3 dicembre si discuterà anche di come, all’occorrenza, permettere alle forze di polizia, di controllare le comunicazioni su quelle piattaforme fino ad oggi considerate criptate, o comunque difficili da intercettare”. Tutti i dati, che verranno raccolti sul web, saranno “stoccati” nelle banche dati del Counter Terrorism Center che si trova all’Aia. Qui dovrebbero, poi, confluire anche i dati ricavati dal Passenger name record (Pnr), ovvero il codice numerico associato a ciascun passeggere che acquista un biglietto aereo. Il Passenger name record conterrà tutti i dettagli, anche personali, del viaggio. Al Counter Terrorism Center dell’Aia spetterà poi il compito di far “dialogare” i servizi di intelligence di tutta Europa mettendo a disposizione le informazioni più rilevanti. Dal primo gennaio il ounter Terrorism Center dell’Aia monitorerà i passeggeri che si muovono dall’interno all’esterno dell’Europa.
Il piano di sicurezza prevede anche altre due misure che riguardano il traffico di armi. I leader dell’Unione europea vorrebbero arrivare a sottoscrivere una procedura unica a tutti i paesi per la disattivazione delle armi da fuoco e dare la possibilità di congelare i beni deiterroristi applicando un protocollo simile alle misure di prevenzione mafiose.

Related posts

Il superbo Monti non accetta critiche: chi lo tocca fa salire lo spread

ECCO COM’ERA L’AFGHANISTAN 50 ANNI FA

Iraq: le forze irachene hanno liberato un villaggio vicino a Tikrit, occupato dall’ISIS