Crea sito
Africa Cina Colonialismo guerre Imperialismo Imperialismo USA Multinazionali Petrolio Sud Sudan Sudan

Sud Sudan,cui prodest?

Di Salvatore Santoru

Riporta il sito web  Corriere della Sera :”Erano in pochi fino a dieci anni fa a credere che in Africa sarebbe venuto alla luce un nuovo Stato. Invece oggi, 9 luglio, si compie il miracolo: nasce una nuova nazione, il Sud Sudan.”Dopo ben trent’anni di guerre intertribali  il sogno di uno nuovo stato per molti sudanesi si è avverato.Tuttavia,non è tutto oro quel che luccica:sempre dall’articolo del Corriere leggiamo ” Ma il nord non vuole perdere il controllo dei pozzi di petrolio al confine tra i due Paesi e ha invaso la contea contesa di Abyei, ricca di oro nero, costringendo le popolazioni africane di dinka nkok a scappare”.Per dirla in poche parole:il petrolio,l’oro nero,è stato ed è una delle cause principali del conflitto sudanese e della recente indipendenza del Sud del paese.Dunque,dobbiamo chiederci a chi giova questo nuovo stato:Sud Sudan cui prodest?Presto detto:giova alle compagnie petrolifere occidentali  e alla strategia di AFRICOM e NATO ,il cui obiettivo è quello della completa (ri)colonizzazione del continente nero.Non solo,dobbiamo sapere che in Africa è in corso una guerra(non dichiarata)tra gli interessi delle multinazionali e delle elitè occidentali e la crescente potenza della Cina,di cui le recenti guerre  di Libia e Costa D’Avorio ne sono una prova.Tornando al Sudan,con l’indipendenza del Sud il governo centrale di Khartoum,appoggiato dalla Cina,perderebbe la maggioranza del petrolio(all’incirca l’ottanta per cento)che si trova nel neonato  stato.Le compagnie  cinesi che hanno  investito nello sviluppo dell’industria petrolifera del paese saranno   praticamente messe fuori gioco e le multinazionali occidentali avranno piede libero nello sfruttamento delle materie prime  della regione. L’indipendenza del Sud Sudan,come abbiamo visto,ha ragioni di natura energetica e geopolitica,e non è che un’ulteriore tappa verso la conquista  dell’Africa da parte di NATO/AFRICOM.Intanto gran parte della popolazione  africana continua a morire di fame e povertà,mentre  sopra le loro teste due potenze(l’una dalle “ancestrali” tradizioni imperiali,l’altra aspirante)decidono il suo futuro e i colonizzatori di un tempo(non troppo remoto)sono in procinto,a suon di bombe e strumentalizzazioni di diritti umani,a portare a termine il loro progetto:fare dell’Africa un’immenso protettorato a disposizione dei gruppi di potere e delle mafie(legali e illegali)occidentali.Sempre sulla questione sudanese vedere anche qua ,mentre sulla strategia della NATO vedere qua e qua

Related posts

Cina:arrestati due sacerdoti per aver celebrato una messa “non autorizzata” dal governo

Il conflitto siriano e l’ipocrisia occidentale

Spose-bambine, Human Rights Watch: “In Africa sono il 40%”

informazione-consapevole