Crea sito
calcio Europa Europei Europei 2012 Francia germania Italia politica Spagna UE

Spagna – Italia. Uno schiaffo a Euroforte

Da Marsiglia,
Bruno Giorgini
Guardare la partita Italia Germania a Marsiglia è più o meno come a Napoli. Tutti tifano Italia, compreso il mio amico Jim di Los Angeles, nonchè genio mondiale delle nanotecnologie e uno dei rari americani esperti di calcio. Però è di origine polacca.

GIUSEPPE CACACE/AFP/GettyImages

Ballotteli che infila due goal uno più bello dell’altro, i tedeschi annichiliti, Pirlo che sembra Didì per i più vecchi, Platinì per i maturi, Iniesta per i più giovani, l’Italia che palleggia quasi fosse il Barcellona, una splendida partita di calcio. C’è persino il lusso di goal già fatti e sbagliati con incredibile leggerezza e il rigore quasi parato da Buffon, il miglior portiere del mondo insieme a Casillas. Gioanbrerafucarlo avrebbe scritto le lodi di eupalla da par suo, io tifoso di base e casualmente cronista sono stato appiccicato al televisore, bevendo vino bianco della Camarga nel primo tempo e rosato nel secondo. Con incredibile soddisfazione per i tronfi teutonici battuti sul campo. Chissà che non porti bene anche più in grande. Se il football, il calcio, è anche una filosofia, il risultato è chiaro. Abbiamo messo fuori l’Inghilterra di Cameron e della City che specula sui debiti altrui e arricchisce i finanzieri in modo indegno al modo delle sanguisughe, e oggi sconfiggiamo la Toteschia. E’ venuto il momento di battere la signora Merkel, e magari già che siamo in palla, anche il signor Monti. Parola di tifoso e alla finale, chiunque vinca, sarà comunque un paese del Sud, dell’Europa del Mediterraneo, del sole e del mare, del vento e del maquis. Già il maquis, la macchia, darsi alla macchia, così si chiamavano i resistenti francesi durante la seconda guerra mondiale contro le armate della Wermacht e contro i fascisti. Niente a che vedere con oggi. La Germania è un paese democratico, puranche governato da una pessima destra e da una nefasta cancelliera. Seppure, come hanno scritto recentemente su Le Monde Ferguson e Roubini, due economisti di parte liberale: In ogni modo, che la politica di bilancio di un paese diventi l’oggetto di una sottomissione neocoloniale alla Germania, non è accettabile.<

br />
Da E-il mensile

Related posts

Un mlione di italiani senza voto, ma negli altri paesi si può fare anche per email

informazione-consapevole

Chomsky e i padroni del pianeta

Il calcio e le sue regole

informazione-consapevole