Crea sito
aerei California energia solare news Oceano Pacifico Senza categoria Solar Impulse 2

Solar Impulse 2: aereo ad energia solare atterra in California dopo 3 giorni di traversata del Pacifico

Di Monia Sangermano
Il Solar Impulse 2, l’aereo ad energia solare monoposto impegnato nel tentativo di volo intorno al mondo, è atterrato in California dopo un viaggio di tre giorni di traversata dell’Oceano Pacifico, con partenza dalle Hawaii.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

 L’aviatore svizzero Bertrand Piccard ha pilotato l’aereo su una pista di atterraggio a Mountain View, una città a sud di San Francisco, la patria di giganti tecnologici come Google, poco prima di mezzanotte. Il Solar Impulse ha sorvolato la zona di San Francisco Bay prima di atterrare, passando sopra il Golden Gate Bridge. Il progetto di promozione del volo ad energia pulita, senza carburante è stato co-fondato da Piccard e Andre Borschberg.
solar impulse 2Il volo di 4.500 chilometri fino alla California continua un percorso iniziato nel marzo 2015 daAbu Dhabi e che ha portato l’aereo in India,Myanmar, Cina e Giappone nella prima metà della sua circumnavigazione globale. Da Mountain View, che è stata la 9a tappa del volo, il viaggio è previsto che continui attraverso gli Stati Uniti, e poi con l’attraversamento dell’Atlantico verso l’Europa e di nuovo ad Abu Dhabi. Il Solar Impulse 2 ha stabilito un record per il più lungo volo a energia solare volando per quasi 8300 km no-stop nel mese di luglio da Nagoya, in Giappone, alle Hawaii. Spinto da quattro eliche con più di 17.000 celle solari installate sulle sue ali, l’aereo si prevede che faccia un totale di 13 fermate durante il suo volo intorno al mondo, con circa 25 giorni in aria nel corso di cinque mesi.

Related posts

6 modi di liberare la mente prima di andare a dormire

informazione-consapevole

L’abbattimento del caccia russo: tre giorni prima Mosca avrebbe bombardato il petrolio dell’Isis, con cui secondo i russi la Turchia farebbe affari

informazione-consapevole

IL KILLER DI ORLANDO OMAR MATEEN ERA NELLA LISTA DEI SOSPETTATI “PRO-ISIS” DELL’FBI DAL 2013