Crea sito
Curiosità dinosauri Jack Horner Jurassic Park paleontologia preistoria Senza categoria Torosauro Triceratopo Triceratops

Secondo alcuni paleontologi, il Triceratopo per come lo conosciamo non sarebbe mai esistito, ma era una forma giovane del Torosauro

Triceratopo addio

PREMESSA

Di Salvatore Santoru
http://informazioneconsapevole.blogspot.it/

Il triceratopo, o più correttamente “Triceratops”(1), è uno dei dinosauri maggiormente noti al grande pubblico, e di esso i paleontologi cominciarono a parlare sin dal 1889.
Nel 2010, l’autorevole paleontologo Jack Horner, già consulente scientifico per “Jurassic Park”, sostenne però che il Triceratopo così come conosciuto in realtà non sarebbe mai esistito, ma semmai sarebbe stato una forma giovanile del Torosauro o “Torosaurus”(3).
Tale ipotesi ha fatto e sta ancora facendo discutere i paleontologi, e di seguito sono riportati due interessanti articoli che la presentano, datati entrambi 2010.

NOTE:
(1)https://it.wikipedia.org/wiki/Triceratops
(2)https://it.wikipedia.org/wiki/Jack_Horner
(3)https://it.wikipedia.org/wiki/Torosaurus_latus

….

http://www.lescienze.it/news/2010/07/15/news/triceratopo_addio-555349/

Triceratopo addio

Uno dei dinosauri che più accende la fantasia dei bambini, il triceratopo, non sarebbe mai esistito, almeno come specie a sé stante. Questo giganteso animale non sarebbe infatti altro che la forma giovanile di un altro dinosauro ceratopside, molto meno conosciuto, il torosauro. E’ questa la conclusione a cui è giunta una ricerca condotta da John Scannella e Jack Horner e pubblicato sull’ultimo numero della rivista Journal of Vertebrate Paleontology.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Pur considerandoli entrambi appartenenti ai ceratopsidi, fin dalla loro scoperta i paleontologi hanno considerato i fossili di triceratopo e torosauro come relativi a due specie ben distinte. Mentre lo scudo osseo che protegge il collo del triceratopo è piuttosto corto e inclinato rispetto al corpo, quello del torosauro è molto più grande, aderente al corpo e dotato di due ampie cavità.

Per giungere alla loro conclusione, Scannella Horner hanno esaminato oltre 50 reperti di triceratopo misurando le dimensioni e lo spessore dei crani fossili, ed esaminandone la tessitura superficiale, la loro microstruttura e i cambiamenti del collare osseo che ne proteggeva il collo.

Questo equivoco, osservano i ricercatori, è facilmente comprensibile perché le forme giovanile non sembra affatto una versione più piccola di quella matura. D’altra parte studi condotti su altri dinosauri hanno già mostrato che nel corso della maturazione questi animali subivano spesso notevoli cambiamenti, soprattutto a carico del cranio, come è stato riscontrato nel caso dei pachicefalosauri e anche dei triannosauri.

“Se il torosauro è effettivamente la forma matura del triceratopo, dobbiamo chiederci perché i reperti di torosauro siano così più rari rispetto a quelli di triceratorpo. E’ possibile che la mortalità delle forme giovanili fosse molto elevata prima che esse giungessero alla morfologia della piena maturità”, osserva Scannella.

….

Il triceratops? Secondo i paleontologi non è mai esistito

Jack Horner, probabilmente il paleontologo più famoso del mondo (il suo lavoro ispirò ai tempi Michael Chricton per Jurassic Park, anni dopo lo stesso scienziato divenne consulente scientifico della serie cinematografica prodotta da Steven Spielberg) è sempre stato un uomo dalle mille controversie. Sostenitore della teoria secondo la quale parte dei dinosauri carnivori sarebbero i genitori diretti degli odierni uccelli (teoria ormai accettata da tutti viste le ultime scoperte paleontologiche su dinosauri provvisti di penne) ha più volte lasciato gli studiosi e gli appassionati con l’amaro in bocca, sostenendo teorie come quella secondo la quale il Tirannosauro non fosse un cacciatore bensi un mangiatore di carogne, un pò come le iene odierne. Ora il buon vecchio Jack, con il suo collega John Scannella riappare con una nuova sconvolgente dichiarazione: il triceratopo non esiste. O meglio, l’animale non sarebbe altro che la forma giovanile di un’altra specie nota, il Torosauro. Attualmente si conoscono due sottospecie di triceratopo, il Triceratops horridus e il Triceratops rorsus. I due paleontologi hanno analizzato una cinquantina di crani fossili, tra quelli del genere triceratops e quelli del torosauro e hanno scoperto che nel caso del torosauro i crani ritrovati appartengono curiosamente tutti ad esemplari di età avanzata, mentre nel triceratopo i crani presentano una microstruttura molto meno rimodellata, tipico degli esemplari giovani. La differenza sostanziale tra un triceratopo e un torosauro, che comunque sono imparentati nello stesso ordine dei dinosauri cornuti, è che il triceratopo presenta un collare osseo dietro le corna inferiori di dimensioni rispetto al torosauro che normalmente presenta anche due enormi cavità nel collare osseo, che si ritiene fosse ricoperto di pelle forse anche in grado di colorarsi. Ora, considerando che la famiglia dei “Ceratopsidae” contenga due grandi generi, ovvero il cosiddetto genere dei ceratopsidi a collare corto e il genere “casmosaurino” (o ceratopside a collare lungo), il triceratopo dovrebbe a ragion di logica appartenere al primo genere, mentre il torosauro al secondo genere. Quello che non tutti sapevano è che per anni gli scienziati hanno avuto difficoltà a collocare l’effettiva appartenenza del rappresentante più famoso della famiglia dei ceratopsidi proprio perche nonostante il collare corto, il triceratops presenta nei suoi resti fossili particolarità anatomiche (quali nelle ossa squamosali) che lo ricollocherebbero nel secondo genere. Triceratops è dunque un esemplare giovane di Torosaurus latus? Probabilmente si, anche se per ora lo dicono solo Horner e Scannella. Forse adesso il dilemma degli appassionati di uno dei dinosauri più famosi della cultura popolare sarà quello di salvargli il nome “da giovane”.

FONTE:http://www.globochannel.com/2010/08/06/il-triceratops-secondo-i-paleontologi-non-e-mai-esistito/

Related posts

Ill mercato dei semi in mano a cinque multinazionali

informazione-consapevole

Madison Essig, la prima studentessa Down che ha ottenuto il diploma cum laude

TURCHIA, I SEGUACI ISLAMISTI DI ERDOGAN: ‘PRESTO IMPORREMO IL VELO ALLE DONNE’