Crea sito
ISIS Medio Oriente terrorismo islamico violenza sulle donne Yazidi

Rapite, stuprate e costrette ad aborto per riabilitarsi: l’incubo delle ragazze yazidi perseguitate dall’ISIS



Di Federica Macagnone

Il dramma di un’intera comunità ma soprattutto delle sue donne: adulte, adolescenti e bambine yazidi rapite, stuprate, costrette a sposarsi con quegli uomini, i jihadisti, che nella scorsa estate le hanno sottratte alle loro famiglie per trasformarle in schiave del sesso.

Molte sono morte in prigionia. Chi, invece, è riuscita a scappare ha dovuto affrontare il calvario della “riabilitazione” in una società che le considera sporche per quanto sono state costrette a subire. Secondo il Sunday Times, molte donne, alcune perfino bambine, si stanno rivolgendo a dottori curdi per abortire: dopo le violenze tante vittime sono rimaste incinte e adesso l’unico modo per essere accettate in una comunità che vede di cattivo occhio il sesso prima del matrimonio è rivolgersi alla medicina. Il tutto reso più difficile dal fatto che in Kurdistan la legge vieta gli aborti, anche in caso di stupro. Tuttavia alcuni dottori stanno eseguendo interruzioni di gravidanza e ricostruzioni dell’imene in laboratori clandestini e ambulatori segreti per “cancellare” per quanto possibile le tracce delle violenze ed evitare l’onta in una comunità religiosa dalle rigide regole.

Un recente studio condotto dallo Human Rights Watch ha evidenziato che tra le 40mila persone rapite dall’Isis ci sono donne e bambine di otto anni costrette a sposarsi con i terroristi e violentate ripetutamente, ridotte a schiave del sesso: per chi è riuscito a fuggire dall’inferno è iniziata la difficile fase di riabilitazione fisica e psicologica per affrontare il trauma inimmaginabile che hanno subìto.

Yazidi Rashida ha 31 anni ed è una delle donne che ha potuto raccontare la sua storia. «I jihadisti hanno scritto i nostri nomi e li hanno estratti a sorte come in una lotteria – ha raccontato – L’uomo che mi ha scelto, Abu Ghufran, mi ha costretta a fare il bagno e io ho tentato di suicidarmi: ho trovato del veleno in casa e l’ho distribuito ad altre ragazze. Quando è arrivato il momento di lavarmi l’ho portato in bagno con me e l’ho bevuto. Nessuna delle ragazze che ha ingurgitato la sostanza è morta ma siamo state tutte male».

Un’altra donna, identificata come Dilara, ha raccontato di essere stata portata in una sala per matrimoni in Siria dove i combattenti Isis le hanno intimato di dimenticare i suoi parenti e di prepararsi, dopo le nozze forzate, a portare in grembo il figlio di uno dei jihadisti. «Dalle 9.30 del mattino – ha raccontato Dilara – gli uomini venivano a comprare ragazze per violentarle. Ho visto soldati dell’Isis tirare per i capelli e picchiare ragazze che tentavano di resistere. Le portavano via e dopo averle violentate le riportavano indietro in cambio di una nuova vittima. Erano come animali».<

br />
Fonte:http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/isis/notizie/1321661.shtml

Related posts

In un nuovo video dell’Isis,l’ex rapper Deso Dogg minaccia attacchi terroristici contro la Germania

Matematica e kalashnikov, la scuola dell’Isis

Il silenzio sull’Iraq, e non solo…