Crea sito
estate prova costume psicologia

Prova costume, sotto stress 7 italiani su 10, ecco i consigli per superarlo

Di Enrico Lombardi
Tutti pronti per la prova costume? Solo in pochi sono preparati per spiagge e sdraio: il 69% degli italiani infatti, pensa di essere fuori forma. 7 su 10 sono preoccupati per l’esordio balneare come risulta da un’indagine condotta su circa 1600 persone di entrambi i sessi fra i 18 e i 60 anni.
L’indagine è stata condotta mediante un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate. Per il 56% del campione indossare il costume è un problema che addirittura condanna alla rassegnazione una persona su tre. Meno della metà (44%) gioca d’anticipo preparandosi con attenzione, il 29% è ancora indeciso sul da farsi, mentre solo il 27% non prenderà alcun accorgimento.
Non tutti dunque reagiscono allo stesso modo: «Vale la pena ricordare sempre come lo stress sia vissuto soggettivamente in maniera diversa da persona a persona. Cosi, anche per quello relativo alla prova costume, ci sarà chi investirà energie e risorse per farvi fronte, ad esempio con unacorretta dieta alimentare e l’esercizio fisico eseguiti entrambi per tempo e con l’eventuale sostegno dei professionisti (come un dietologo o un personal trainer in palestra) ed altre per le quali i sintomi di stressdiventano talmente invalidanti da ripercuotersi negativamente sulla vita quotidiana», dice il dottor Enrico Lombardi, psicologo e psicoterapeuta di Humanitas.
«Per alcune persone – spiega – non è evidentemente la prova costume a costituire il problema, quanto a priori una distorta immagine di sé el’ossessione per il cibo e il peso. Un Disturbo del Comportamento Alimentare tutt’altro che raro: dai dati riportati in letteratura emerge che le ragazze di 15-18 anni possono presentare qualche disturbo collegato all’alimentazione, il 5% di esse (considerando anche i disturbi sottosoglia). Il rapporto tra femmine e maschi è di circa 9 a 1, ma il numero dei maschi è in crescita soprattutto in età adolescenziale e pre-adolescenziale. Naturalmente per questi disturbi è fondamentale una diagnosi precoce e un trattamento multidisciplinare affidato ad una équipe di specialisti, comprendente medici, psichiatri, psicologi e nutrizionisti».

Il consiglio per superare la prova costume? Sport e alimentazione equilibrata tutto l’anno

Come poter gestire al meglio lo stress da prova costume? «Se lo stress non è inscrivibile in un quadro diagnostico di disturbo alimentare, d’ansia o di depressione, e la persona riesce a gestirlo in autonomia, possono aiutare alcuni semplici consigli:
1) scegliere uno sport che diverta, quindi non solo finalizzato al bruciare calorie e da portare avanti durante il corso dell’intero anno, non solo nei mesi precedenti l’estate;
2) portare avanti diete validate dal sostegno di specialisti senza far diete restrittive fai da te a pochi mesi dalla partenza;
3) imparare a valorizzare eventuali imperfezioni che ci distanziano da modelli di perfezione socialmente imposti e come tali irraggiungibili, quindi fonte di stress e ansia. Accettare perciò i nostri limiti, magari con l’aiuto dell’ironia, ci rende reali e più sereni, senza considerare che risulta un passaggio obbligato anche in altre situazioni in cui la vita ci pone di fronte a situazioni su cui non possiamo esercitare un controllo assoluto esattamente come per il nostro corpo (lutti, malattie, perdita del lavoro, ecc.)», conclude lo specialista.

Related posts

I 10 ESPERIMENTI SCIENTIFICI PIÙ SPAVENTOSI DELLA STORIA:VIDEO

informazione-consapevole

Il disturbo ossessivo compulsivo è come una droga

Né la xenofobia né il terzomondismo sono utili per risolvere l’emergenza immigrazione