Crea sito
news Olanda Propaganda Russia Senza categoria Ucraina

Olanda:in un libro scolastico la Russia viene raffigurata come un mostro che sbrana l’Ucraina

Photo by Michel Philipsen

Di Salvatore Santoru

Recentemente, come riportato anche su questo blog, è stato scoperta l’Internet-Issledovanja, una società formata perlopiù da studenti universitari o ragazzi disoccupati pagati per diffondere propaganda a favore di Putin, tanto che è stata definita la “fabbrica dei troll” del governo russo.
http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2015/06/internet-issledovanjala-societa-russa.html

C’è da segnalare che per tutto ciò che riguarda la Russia e la questione ucraina, la propaganda regna sovrana, e avere informazioni imparziali risulta cosa alquanto rara. google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “1767390444”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250;

Ultimamente si è avuta notizia di un’altro caso di propaganda, questa volta in senso antirusso.
Difatti, stando a quanto riportato in un articolo di Russia Today, in un testo rivolto a ragazzini di 15 e 16 anni (Themes in Social Studies 1) di una scuola superiore olandese , dove erano elencati i paesi più liberi ( gli USA in primi e gli stati dell’Unione Europea ) e quelli “non liberi” (Russia e Cina ) è stata riportata una vignetta che raffigura la Russia come un mostro che sbrana l’Ucraina, mentre l’Europa cerca di dare una mano a quest’ultima per salvarla dal mostro.
http://rt.com/news/269314-anti-russian-propaganda-netherlands/

Indubbiamente, quella che è in corso tra Russia, USA e e alleati dell’UE è una vera e propria guerra fredda, che come quella con la defunta URSS, si combatte prima di tutto a scopi propagandistici.

Related posts

Gli Effetti Della Pornografia Sulle Relazioni Sessuali Ed Affettive

Per la copertina di Sgt. Pepper’s John Lennon voleva inserire anche Gandhi,Hitler e Gesù ma gli fu impedito dalla EMI che temeva reazioni critiche

Londra:setta di ebrei ortodossi vieta alle donne di guidare a Stamford Hill, condanna da parte della Commissione dei diritti umani e dell’equità