Crea sito
25 aprile freddo maltempo meteo news Senza categoria temperature

Previsioni Meteo Ponte del 25 Aprile: confermato il ritorno del freddo, scatenerà forte maltempo

Di Daniele Ingemi
Come anticipato nei giorni scorsi, dopo il lungo periodo di caldo anomalo che ha contraddistinto buona parte della prima e seconda decade di Aprile, finalmente ci troviamo alla vigilia di un importante cambio circolatorio, molto importante, che porterà finalmente un po’ di fresco, se non addirittura freddo, anche sulle nostre regioni, a partire dal prossimo fine settimana. 


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Difatti, attualmente, la circolazione sinottica sull’area euro-atlantica è dominata da una vasta, ma “lasca”, circolazione depressionaria a carattere freddo, facente capo al “lobo scandinavo” del vortice polare, che dalla Svezia meridionale tende molto lentamente ad allontanarsi in direzione del mar Baltico e delle Repubbliche Baltiche, contribuendo ad “avvettare” aria piuttosto fredda polare marittima in direzione dell’Europa centro-orientale. Poco più ad ovest, sull’Atlantico portoghese, troviamo in azione un “CUT-OFF”, con un associato nocciolo di aria fredda polare marittima, ben evidenziato da uno spettacolare vortice, localizzato poco a largo delle coste portoghesi meridionali.
POPLEX.2016110.terra.1kmQuesto “CUT-OFF”, pronto ad evolversi in una più modesta “Upper Level Low”, continuerà a rimanere semi-stazionario sull’Atlantico portoghese, causa la presenza sul bacino centrale del Mediterraneo di un promontorio anticiclonico “interciclonico”, che dall’entroterra desertico algerino tende ad elongarsi in direzione della Sardegna e dell’Italia, garantendo condizioni di piena stabilità. Inoltre nel corso delle prossime ore questa struttura anticiclonica, che ormai domina su gran parte del nostro territorio nazionale, tenderà ulteriormente a consolidarsi per il progressivo afflusso in quota, nella media troposfera, di aria via via sempre più calda, d’estrazione sub-tropicale continentale.
Prognose_20160419Questo afflusso di aria sempre più calda dall’entroterra desertico determinerà un aumento del campo del geopotenziale in quota, con una conseguente stabilizzazione della colonna d’aria su gran parte delle nostre regioni. Un po’ di instabilità pomeridiana domani la ritroveremo solo sulle Alpi e Prealpi, per delle infiltrazioni di umidità in quota che potranno favorire lo sviluppo di annuvolamenti un po’ più compatti a ridosso dei rilievi, ma nulla di particolarmente significativo.
EUMETSAT_MSG_RGB-12-12-9i-segment14Da giovedì il suddetto promontorio anticiclonico “interciclonico” comincerà gradualmente a cedere lungo il suo bordo più occidentale, cominciando ad essere eroso dalla lenta progressione verso levante dei resti del “CUT-OFF” atlantico, che comincerà a spingere in direzione della Spagna, avvicinandosi al bacino centro-occidentale del Mediterraneo. Nel corso della giornata l’approssimarsi del “CUT-OFF”atlantico, oltre ad erodere il bordo più occidentale del promontorio anticiclonico “interciclonico”, favorirà anche l’attivazione di un umido flusso dai quadranti meridionali, con aria piuttosto umida nei bassi strati, che interesserà dapprima la Sardegna, per poi estendersi successivamente al mar di Corsica, mar Ligure e alle nostre regioni di nord-ovest.
domenica 24 aprileIl flusso umido meridionale che si attiverà lungo il bordo più orientale del “CUT-OFF” spagnolo, nel corso del pomeriggio di giovedì, avrà il merito di determinare un aumento della nuvolosità a cominciare dalla Sardegna, Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e ovest dell’Emilia. Nuvole che dalla serata tenderanno a farsi sempre più compatte, specialmente tra Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, dove si potranno verificare dei piovaschi e delle deboli piogge a carattere sparso, maggiormente probabili fra Piemonte e ovest della Lombardia.
lunedì 25 aprileSulle Alpi centro-occidentali invece si potranno verificare delle deboli nevicate, ma a quote superiori ai 2000 metri. Sul resto delle nostre regioni, a parte un temporaneo incremento delle velature e delle nubi alte fra Sicilia e le coste tirreniche, il tempo continuerà a presentarsi ancora stabile e prevalentemente soleggiato, in un contesto termico piuttosto caldo per il periodo.
martedì 26 aprileMa fra venerdì e la giornata di sabato, con l’ulteriore indebolimento del promontorio anticiclonico “interciclonico” sul bacino centrale del Mediterraneo, il tempo andrà ad instabilizzarsi anche sulle nostre regioni centrali ed in seguito anche al sud, per l’ingresso di aria decisamente più fresca, la quale oltre a cacciare via l’aria piuttosto tiepida accumulata negli ultimi giorni e a rimescolare la colonna d’aria nei bassi strati, causerà un brusco calo dei valori termici. Anche dell’ordine dei -7°C -8°C rispetto ai valori registrati in questi giorni. Fresco, per non dire freddo, e instabilità che rischiano di condizionare anche la giornata del 25 Aprile in molte regioni. Ma su questo torneremo a parlarne meglio nei prossimi giorni.

Related posts

CLINTON VERSO LA NOMINATION, A TRUMP LA FLORIDA MA NON L’OHIO

La Walt Disney e la simbologia dei codici

Il re della Giordania Abdullah II accusa la Turchia di sostenere l’Isis: “Esporta terroristi in Europa”