Crea sito
Campaign for Tobacco-Free Kids dipendenze Droga lobby del tabacco salute Senza categoria sigarette tabacco

Perché le sigarette danno dipendenza?


Perché le sigarette danno dipendenza più ai nostri giorni che in passato? E’ semplice, la colpa è delle lobby del tabacco che vogliono rendere più “appetibili” le sigarette.
50 anni fa si fumava molto di più ma oggi è più pericoloso, grazie a manipolazioni, intrugli e additivi che le aziende del tabacco aggiungono ai loro prodotti in una continua lotta per avere in mano il mercato.
I dati sconcertanti arrivano da una ricerca fatta da Campaign for Tobacco-Free Kids, negli ultimi anni sono aumentati vertiginosamente i casi di cancro al polmone e di broncopneumopatia, questo perché nel corso degli anni le sigarette fatte di solo tabacco hanno visto aggiungersi alla loro ricetta zuccheri, broncodilatatori, mentolo, nicotina, acidi e filtri ventilati per aspirare più “profondamente”…
Perché le sigarette danno dipendenza
Pubblicità negli anni hanno osannato le proprietà delle nuove sigarette, più leggere e più femminili (aggiungevano Acido levulinico per renderle meno aspre) oppure più forti e più mascoline (aggiungevano più nicotina eammoniaca per far si che dessero una “botta in più” aumentandone l’assorbimento e velocizzarne l’arrivo al cervello) oppure aggiungevano mentolo e filtri areati per rendere la fumata più “piena”, e zuccheri per aumentarne la dipendenza, ma nel corso degli anni tutti questi ingredienti hanno reso la sigarette più cancerogene che il semplice tabacco di cui erano fatte in origine. 
Tutti ingredienti volti anche a far si che i fumatori divenissero più dipendenti dalla nicotina e che quindi non smettessero di acquistarle e quindi che il business diventasse miliardario.
Se volete leggere il report dell’azienda che ha effettuato lo studio, troverete interessante scoprire come le aziende abbiano modificato le composizioni senza dare minimamente peso alla salute dell’utilizzatore finale, cioè il fumatore. ( trovate qui il report -> Campaign for Tobacco-Free Kids Report)

Svelato il Perché le sigarette danno dipendenza.

Nel report si sottolinea anche il fatto che molte aziende del tabacco abbiano inserito aromi come vaniglia e cioccolato per invogliare a fumare anche i più giovani, insieme a sostanze chimiche che dilatando i bronchi permettono al fumo di essere inalato senza che subentri la tosse da fumo. Un’inalazione più facile anche per i fumatori alle prime armi insomma.
Perché le sigarette danno dipendenza
Matthew L. Myers, presidente della Campaign for Tobacco-Free Kids, ha spiegato che:
Per decenni, l’industria del tabacco ha avuto il controllo completo sulla produzione delle sigarette e ha fatto un prodotto letale e coinvolgente, esponendo i fumatori a maggior rischio di dipendenza (aumentata con più livelli di nicotina), malattia e morteOra che ha l’autorità di regolamentare i prodotti del tabacco, la FDA deve richiedere cambiamenti di questi prodotti per ridurre le morti e le malattie che causano. Le decisioni su come i prodotti del tabacco devono essere fatti e ciò che devono contenere devono essere basate sulla tutela della salute pubblica e non sui profitti dell’industria del tabacco“.
Inutile dire che fumare fa male o vedere video come questi:
…se poi non si decide di propria volontà di smettere di fumare e quindi di incrementare la ricchezza delle lobby del tabacco che se ne fregano della salute ma che vogliono solo che il fumatore non smetta di essere un fumatore.
In un anno muoiono 480 mila americani senza contare i 289 mila milioni dollari che l’America spende in sanità e perdite economiche…. E le aziende in tutto questo trovano solo guadagno.
Un motivo per smettere? Boicottare le aziende del tabacco che se ne fregano del consumatore, se il motivo di salvaguardare la vostra salute non è già sufficiente.

Related posts

Roma:scuola occupata trasformata in supermercato della droga: 2 arresti

Contro la retorica dei choosy, elementi per riflettere su media e lavoro

IL PANNELLA DELL’800: le battaglie politiche dell’on. Salvatore Morelli