Crea sito
antiideologia destra filosofia ideali ideologia opinioni politica psicologia Senza categoria sinistra Società

Per una nuova politica

Di Salvatore Santoru

Purtroppo la politica italiana e non , è ancora ferma a schemi obsoleti e totalmente disfunzionali per comprendere e affrontare il presente .

Ci si divide come allo stadio su quale partito o idea votare e/o seguire , arroccati nei  limitanti schemi di ” destra o ” sinistra ” ,  tutto per non accettare  il cambiamento e un possibile cambio di paradigma che rendi migliore la politica , un cambiamento basato sui contenuti e non su slogan obsoleti e totalmente distanti dalla realtà .<

br />
Ci sono ancora fortissime resistenze al cambiamento : nel 2014 alcuni ancora dividono le persone in ” progressisti ” e ” conservatori ” , ” fascisti ” o ” comunisti ” e altre etichette che hanno ben poco a che vedere con il presente .

Ogni giorno si sentono delle persone che credendo che il proprio partito/setta/gruppo abbia la verità in mano , attaccano chiunque non la pensi come loro etichettandolo come ” fascista ” , ” comunista ” , ” reazionario ” o altre terminologie vecchie di un secolo .

La loro presunzione in realtà deriva dalla mancanza reale di argomenti e dall’incertezza creata dalla fine delle illusioni ideologiche e post-ideologiche .

Difatti , un partito , un movimento o altro che si dichiari rappresentante di certe ideologie ( che sia ” comunista o ” anticomunista ”  , ” fascista ” o ” antifascista ” , ” democratico ” , ” anarchico ” e così via poco importa  ) fa naturalmente presa , in quanto pensare con la propria testa e liberi dai dogmi propinatici è chiaramente un’esercizio stimolante ma difficoltoso , tanto che per molti è preferibile rimanere attaccati alle illusorie certezze che i vari partiti o gruppi politici ci danno .

Ma , ora come ora , dobbiamo fare i conti con il presente , che va letto in una chiave nuova e diversa , visto che le vecchie interpretazioni così di moda negli anni passati , non valgono più .

Bisogna aprire la mente , liberarsi dai dogmi politici e ideologici che ci tengono ingabbiati , optare per una nuova politica che sappia offrire un’alternativa consapevole a un sistema in cui tutto viene considerato merce .

Andare oltre il marketing ideologico , oltre i vecchi miti e slogan  perchè il cambiamento non si realizza con la maglietta alla moda del Che ,  o con altri segni di riconoscimento che facciano sentire parte del branco politico più chic e trendy , o magari più ” radical ” . 

Andare oltre vecchi miti ( tipo quello della ” rivoluzione ” che poi non arriva mai ) e cominciare a proporre delle vere alternative , incominciando a ” rivoluzionare ” sè stessi , come affermava anche  Gandhi .

Informare , scrivere , proporre : fare qualcosa di costruttivo per sè stessi e gli altri , invece di ripetere 4 slogan vecchi di 40/50 anni fa magari per difendere il vero status quo .

Non abbiamo bisogno di dogmi ideologici , ma di ideali e idee da seguire , e se possibile da realizzare .

Ideali che servano come musa ispiratrice per la realizzazione di una seria  e credibile politica .

Ideali che servano per la costruzione di una migliore , etica e consapevole società .

Per una nuova politica incentrata veramente sulla costruzione di un futuro migliore .

Related posts

SASSARI: ORDINANZA CONTRO L’ACCATTONAGGIO MOLESTO

Il rifiuto e la paura del contatto fisico

Il mistero della biblioteca metallica di Carlo Crespi Croci

1 comment

Emanuele Nusca IL M-IO PRIMO MINISTRO Maggio 16, 2014 at 2:24 pm

La soluzione per la nuova politica c'è già e si chiama IL M-IO PRIMO MINISTRO. http://www.ilmioprimoministro.it/ilmioprimoministro/cosa-cosa-%e2%99%a5-il-m-primo-ministro-%e2%99%a5/

Comments are closed.