Crea sito
antiberlusconismo Berlusconi berlusconismo cultura Italia patrimonio archeologico patrimonio artistico sviluppo TV

Per la cultura e per lo sviluppo

Dopo il ventennio berlusconiano, che come si apprende dalle ultime notizie dei giornali è destinato forse a continuare, il nostro paese è sprofondato in una desertificazione culturale molto ampia.
Programmi televisivi come “Grande Fratello”, “Amici”, “l’Isola dei famosi” e tanti altri ancora che non sto qui a nominare perchè la lista è lunghissima hanno plasmato generazioni di giovani e adulti lontani dalla cultura, dal sapere, dalla conoscenza.
La società e la politica italiana sono da anni finite in un declino lento e inesorabile: siamo finiti in un immenso vortice di degrado culturale e di decadimento del costume.
Per quanto riguarda i governi degli anni più vicini a noi, essi hanno tagliato e tagliato ancora sulla cultura, sulla scuola, sull’università.
Biblioteche, scuole, università ed enti pubblici come archivi di stato sono in condizioni di disfacimento costante.
C’è bisogno innanzitutto di una vera e propria rivalutazione della cultura e della conoscenza: da troppo tempo si è ormai abituati a bistrattarle.
Le poche menti “intelligenti” italiane fuggono all’estero, fuggono da un paese in cui vi è totale assenza di meritocrazia. Bisogna incentivare la meritocrazia per incoraggiare chi lavora per il mondo della cultura che spesso ha paura di aver a che fare con fenomeni come nepotismo o clientelismo.
Dal punto di vista economico i governi futuri dovranno spendere di più per la cultura, per la tutela di enti pubblici come archivi di stato e biblioteche che versano in stati di abbandono.
Si deve proteggere il nostro straripante patrimonio artistico che ci rende famosi in tutto il mondo e non far accadere altri casi come quelli verificatisi a Pompei.
L’Italia deve tornare ad essere un’eccellenza per quanto riguarda la cultura e la conoscenza e riprendere il posto che veramente ci compete.
Bisogna tutelare l’immenso patrimonio artistico magari anche con la partecipazione dei privati.
Inoltre bisogna destinare più soldi alle università e alla ricerca come si fa in molti altri paesi del mondo.
La cultura può anche rappresentare un volano per la crescita in un periodo come questo di crisi e recessione economica. Infatti si potrebbero creare molti posti di lavoro grazie al mondo della cultura, del cinema, della televisione, dell’arte etc.

Related posts

Con l’Imu il carico fiscale in Italia passa dal 60% al 70%.

L’Fmi ha dato l’ok per il prelievo forzoso sui conti correnti

Giganti: Mito o Verità?