Crea sito
paura di sbagliare psicologia Senza categoria

Paura di Sbagliare. 5 Modi per Liberarsene

Lo faccio? Non lo faccio?  E se poi sbaglio? Meglio non rischiare…Smile
Quante volte la paura di sbagliare mi ha bloccato impedendomi  di agire. E quante occasioni  importanti ho perso nella  mia vita per colpa di essa.
Ero in buona compagnia, in quanto la paura di sbagliare è uno dei  principali ostacoli  alla  crescita personale per moltissime persone.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Se la paura di sbagliare sta tenendo bloccato anche te, impedendoti di fare i cambiamenti che desideri, questo articolo ti sarà estremamente  utile. Continuando la lettura scoprirai infatti  come  eliminare  questa dannosa paura  e  intraprendere le azioni  più appropriate  per fare la differenza nella tua vita.
Quasi tutti hanno paura di sbagliare almeno qualche volta. Ma questa paura, anche chiamata atychiphobia può prendere il sopravvento su di noi quando le consentiamo di ostacolarci nell’intraprendere le azioni per raggiungere i nostri obiettivi.  La paura di sbagliare è strettamente collegata con la paura del giudizio degli altri e spesso porta a procrastinare. Inoltre è quasi sempre presente nelle persone che soffrono di depressione o bassa autostima.
Questa paura fu identificata nel 1960 dallo psicologo della Stanford University John Atkinson, il quale ha condotto una serie di esperimenti sui bambini per testare la loro motivazione. Notò che i bambini avevano due tipi di atteggiamenti di fronte a un compito: c’erano quelli che si focalizzavano sul vincere il premio e approcciavano il compito con un atteggiamento che chiamava “need for achievement” e quelli che si focalizzavano sul loro inevitabile fallimentoe che avevano un atteggiamento che Atkinson definì “paura di sbagliare”, basato sul desiderio di evitare l’umiliazione pubblica.
Come nasce la paura di sbagliare?
In genere tale paura viene instillata  da piccolissimi da genitori super-protettivi che mossi da buone intenzioni tendono a  metterci  in guardia da ogni  eventuale piccolo sbaglio o passo falso.
Questo loro modo di proteggere ha comportato il sentire ripetere spesso “no, non si fa così” più e più volte. E dopo un po’ hai cominciato a muoverti con “cautela” in quello che facevi, a tentennare chiedendoti: “andrà bene fare così? Lo posso fare?”. E mentre ti ponevi queste domande probabilmente ti giravi a guardare la figura autoritaria per vedere se stavi facendo bene.
Quando sei cresciuto, hai interiorizzato così bene questo modello di comportamento esitante  da farlo diventare inconscio  e senza che tu te ne renda conto esso  si mette in atto in modo automatico in molte situazioni della tua vita.
Sconfiggere la paura di fallire può richiedere un po’ di lavoro su se stessi,  ma potrai riuscirci facilmente  se ci metterai il giusto impegno e applicherai  le strategie  che seguiranno.
paura di sbagliare
5 modi per guardare ai fallimenti da una prospettiva diversa e  liberarti dalla trappola bloccante della paura.
1) Sbagliare è una parte del percorso.
Spesso diamo troppa importanza agli sbagli e agli errori e vediamo il fallimento come il risultato finale, sottovalutando il fatto che esso è solo una parte di un processo più ampio che riguarda la crescita e l’apprendimento.
Esso è  infatti un elemento chiave dell’apprendimento. Tutte le  capacità più importanti  nella vita richiedono un certo quantitativo di errori e successive correzioni prima di essere apprese.
E’ stato cosi per imparare a scrivere, parlare, andare in bicicletta…
Pensa ad esempio ad un bambino che sta muovendo i suoi primi passi, sicuramente qualche volta cadrà per terra ma poi si rialzerà fino a diventare bravissimo e imparerà a camminare da solo. E’ pressoché impossibile vivere una  vita senza fallimenti. Le persone che ci riescono probabilmente vivono in modo così cauto che raramente realizzano qualche obiettivo importante.
Quasi tutti inciamperanno e cadranno più volte nella vita. A volte alcune porte ti sbatteranno in faccia e potrai prendere alcune cattive decisioni. Ma per ogni porta che si chiude ce n’è un’altra che si apre e che porta tante nuove opportunità.
Hai mai notato che alcune persone, contrariamente a tutte le aspettative, sembrano diventare più forti quando sbagliano? Come ci riescono?
Se ci fai caso potresti notare che hanno sviluppato un mindset unico: hanno realizzato che sbagliare e fare errori è una parte intrinseca del processo per raggiungere il successo e per questo non si lasciano scoraggiare dai loro sbagli ma imparano da essi.
2) Tu non sei un fallimento.
Quando eri bambino quasi sicuramente sei stato sgridato quando hai sbagliato. Quando sei cresciuto, queste “sgridate” sono diventate più sottili, ma sono ancora presenti. Questa è la ragione per cui la paura di sbagliare può essere così forte in noi: il fallimento danneggia il modo in cui siamo riconosciuti e accettati dagli altri e di conseguenza va a incidere sulla nostra autostima.
Il fallimento non è una caratteristica della persona. Anche se quello che hai fatto non ha dato il risultato che speravi o hai sbagliato, questo non significa che sei un fallimento. Le persone che pensano di essere le uniche e sole responsabili quando qualcosa va storto o non funziona sono più a rischio di sviluppare depressioni.
Riconoscere che sbagli ed errori non dipendono solo da te rende l’idea del fallimento meno scoraggiante. È fondamentale vedere gli avvenimenti in modo oggettivo per identificare i fattori che influenzano negativamente i risultati e poi correggerli. Prova a chiederti: quale fattore al di fuori del mio controllo contribuisce a non far funzionare X?
3) Non esistono fallimenti, solo risultati.
I comportamenti tendono sempre a creare qualche risultato, al limite si può parlare di risultati non desiderati Smile. Le persone che hanno successo non sono quelle che non falliscono mai ma quelle che sanno che se tentano di ottenere qualcosa e non riescono ad averla hanno comunque avuto un’esperienza istruttiva. Mentre gli individui che temono il fallimento si rappresentano internamente ciò che potrebbe non funzionare e questo li trattienedall’intraprendere quell’azione che li avrebbe portati a realizzare i loro desideri.
Illuminante a tal proposito sono le parole di uno dei migliori giocatori di basket del nostro tempo: Michael Jordan.
“Avrò segnato undici volte canestri vincenti sulla sirena, e altre diciassette volte a meno di 10 secondi alla fine, ma nella mia carriera ho sbagliato più di novemila tiri. Ho perso quasi trecento partite. Trentasei volte i miei compagni mi hanno affidato il tiro decisivo e l’ho sbagliato. Nella vita ho fallito molte volte. Ed è per questo che alla fine ho vinto tutto.”
4) Sbagliando si impara.
Tutto ciò che gli esseri umani hanno appreso, ha dovuto essere imparato grazie a un’esperienza di successive prove ed errori. Gli esseri umani hanno imparato solo sbagliando. Buckinster Fuller  
A volte impariamo dai nostri errori, altre volte da quelli altrui. Soffermati un attimo sui 5 maggiori presunti fallimenti della tua vita. Che cosa hai imparato da quelle esperienze? Puoi scegliere di vedere il fallimento come “la fine del mondo”. Oppure puoi vederlo come un’incredibile opportunità di apprendimento così come spesso è.
È facile trovare persone di successo che hanno imparato dal fallimento. Per esempio, nel 1985 Steve Jobs fu costretto a lasciare l’azienda che aveva contribuito a fondare a causa di divergenze di vedute con l’allora CEO di Apple, John Sculley. Poi, nel 1997 Jobs tornò e fu determinante per fare della Apple una delle aziende di maggior successo della storia.
Come trasformare un fallimento in un’opportunità di apprendimento?  Quando ti trovi di fronte ad un risultato non desiderato, poniti queste domande:
  •  Cos’ho imparato da questa esperienza che mi potrà tornare utile in futuro?
  •  Perché è successo?
  • Come potrei fare per prevenire che succeda la prossima volta?
  • Cosa potrei fare meglio la prossima volta?
5) Esci dalla tua zona di comfort.
I nostri dubbi sono traditori, e ci fanno perdere il bene che potremmo ottenere perché abbiamo paura di tentare. William Shakespeare 
Se nella tua vita vuoi raggiungere grandi cose allora devi uscire dalla tua zona di comfort e agire! Devi avere il coraggio di uscire e provare a sperimentare le tue idee.  Probabilmente sbaglierai… e questo potrà succedere anche molte volte. Ma ad ogni errore prenderai nota di ciò che non andava bene e sarai in grado di migliorarlo.
paura di fallire


Per concludere
.

Immagina quindi cosa saresti in grado di realizzare nella tua vita se potessi fare qualsiasi cosa al mondo senza avere paura di fallire.  Inizia a compiere sin da oggi le azioni più utili per realizzare questo scenario.
E ricorda che, come disse il poeta americano George Woodberry, non è la sconfitta il peggior fallimento. Il peggior fallimento è non avere tentato.

Related posts

Google lavora su un visore VR che traccia il movimento degli occhi

informazione-consapevole

Nutrirsi di cultura, un’opera 3D realizzata a Cagliari invita alla lettura fin dai primi anni. E funziona!

informazione-consapevole

Curare in modo alternativo: la musicoterapia