Crea sito
antiviolenza criminologia diritti delle donne Diritti umani Femminicidio Italia Mondo Società statistiche Video Violenza violenza sulle donne

Oggi 25 novembre giornata contro il femminicidio



Di Salvatore Santoru

Oggi 25 novembre è la giornata internazionale contro il femminicidio.
Tale termine, il cui primo uso risale alla strage di Ciudad Juarez in Messico, sta ad indicare le violenze fisiche e psicologiche di cui sono vittime le donne, per questioni relative all’identità di genere.
Stando ai dati, il 2013 per l’Italia è stato un’anno nero con ben 179 vittime,  con un incremento del 14% rispetto al 2012.
Stando ad alcune statistiche nazionali, è nell’area settentrionale del paese dove maggiormente avvengono queste violenze, mentre a livello regionale le percentuali più alte si hanno in Lombardia e in Campania.




Stando alle statistiche mondiali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, è stato riscontrato che tale fenomeno risulta più diffuso nei paesi del Sud Est asiatico (37,7%), in Medio Oriente (37%) e Africa centro-meridionale (36,6%), mentre è meno diffuso in Europa occidentale (25,4%) e Pacifico Occidentale (24,6%).

Tra i singoli paesi guida questa tragica classifica El Salvador (12 femminicidi ogni centomila donne), seguito dalla Giamaica (10,9), Guatemala(9,7) e Sudafrica(9,6).
Per approfondire, sul web si può scaricare in pdf “Femicide, A Global Problem“, con la classifica dei paesi con percentuali più alti di femminicidio.

Tra i paesi occidentali, alte percentuali sono state riscontrate in USA, Israele,Canada,Australia, ma risulta anche fortemente diffuso sempre di più in Svezia, e ovviamente anche l’Italia, la Francia e l’Olanda non sono messe bene.


Si spera che sia a livello nazionale che internazionale la piaga del femminicidio e della violenza di genere venga debellata al più presto, e oltre ad essa si faccia in modo di eliminare la violenza nel suo complesso e nelle sue più varie sfaccettature.

Related posts

Biologa e con la sclerosi multipla: “Ecco perché dico no alla vivisezione”

Claude Lévi Strauss- Oltre l’antropocentrismo

Dall’ Italia 40 miliardi all’ESM mentre le aziende chiudono

4 comments

Anonimo Novembre 25, 2014 at 3:09 pm

Opera di Demonizzazione su molti Paesi da sottomettere all Imperialismo di NATO e Banche: dopo che sara' arrivata la –NATO DemonCrazy– non vi sara' piu' donna da uccidere,e nemmeno maschi che uccidano; saranno tutti morti,operazione riuscita ! ed invece in Italia i Femminicidi aumentano o diminuiscono rispetto al passato?! io dico che sono fortementre DIMINUITI ,come per i lfenomeno dell omofobia e Pedofilia, ma oggi sono emergenze, Perche'?! io lo so,e voi?!

Anonimo Novembre 25, 2014 at 3:09 pm

Opera di Demonizzazione su molti Paesi da sottomettere all Imperialismo di NATO e Banche: dopo che sara' arrivata la –NATO DemonCrazy– non vi sara' piu' donna da uccidere,e nemmeno maschi che uccidano; saranno tutti morti,operazione riuscita ! ed invece in Italia i Femminicidi aumentano o diminuiscono rispetto al passato?! io dico che sono fortementre DIMINUITI ,come per i lfenomeno dell omofobia e Pedofilia, ma oggi sono emergenze, Perche'?! io lo so,e voi?!

Informazione Consapevole Novembre 25, 2014 at 3:22 pm

Le statistiche che ci sono non sono certe, da una parte si dice che sono aumentati, dall'altra ( tra cui Alfano ) che sono diminuiti.Sul fatto della NATO, mah, diversi paesi che sono nei primi posti delle classifiche fanno parte di essa ( ad esempio la Turchia ), e altri non sono messi di meglio, come gli stessi USA…Che tale tragedia venga strumentalizzata al giorno d'oggi è vero, e ciò è un'errore perché va a finire e sta finendo nel settarismo (uomini vs donne, donne vs uomini e così via ) e questo penso non vadi bene, perché sia donne che uomini devono combattere contro queste violenze, che sono una parte del quadro di violenza più ampio ( e in cui ci sono anche le politiche guerrafondaie e predatorie economiche che hai citato ), che deve essere combattuto, visto che si deve fare in modo di combattere la violenza nel suo complesso.

Informazione Consapevole Novembre 25, 2014 at 3:22 pm

Le statistiche che ci sono non sono certe, da una parte si dice che sono aumentati, dall'altra ( tra cui Alfano ) che sono diminuiti.Sul fatto della NATO, mah, diversi paesi che sono nei primi posti delle classifiche fanno parte di essa ( ad esempio la Turchia ), e altri non sono messi di meglio, come gli stessi USA…Che tale tragedia venga strumentalizzata al giorno d'oggi è vero, e ciò è un'errore perché va a finire e sta finendo nel settarismo (uomini vs donne, donne vs uomini e così via ) e questo penso non vadi bene, perché sia donne che uomini devono combattere contro queste violenze, che sono una parte del quadro di violenza più ampio ( e in cui ci sono anche le politiche guerrafondaie e predatorie economiche che hai citato ), che deve essere combattuto, visto che si deve fare in modo di combattere la violenza nel suo complesso.

Comments are closed.