Crea sito
APEC Asia Cina news Obama Senza categoria Tibet

Obama si schiera contro l’indipendenza del Tibet

Di Jordan Schachtel

Durante il vertice APEC di quest’anno, al presidente americano Barack Obama è stato chiesto della situazione del Tibet. Poco dopo aver accettato un accordo per il cambiamento climatico, a nome degli Stati Uniti, ha detto: “riconosciamo il Tibet come parte della Repubblica Popolare Cinese. Non siamo a favore dell’indipendenza .
 “Ma incoraggiamo le autorità cinesi a preservare l’unicità dell’identità culturale, religiosa e linguistica del popolo tibetano”, ha aggiunto Obama. Il presidente Obama ha fatto queste osservazioni in una conferenza stampa congiunta con il presidente cinese Xi Jinping. Anche se il Presidente si era riunito con il Dalai Lama nel mese di Febbraio con grande dispiacere della Cina, è ancora salda la posizione per la quale gli Stati Uniti non sosterrebbero un Tibet indipendente. 
Il buddismo è un’ istituzione religiosa chiave in Tibet, e anche se è formalmente riconosciuta dal governo cinese, la religione nel suo complesso è disapprovata dal Partito Comunista. Dopo che tibetani sono stati visti come una minaccia per l’utopia comunista, i sostenitori della Rivoluzione Culturale di Mao hanno distrutto migliaia di monasteri tibetani. Gruppi per i diritti umani hanno spesso trovato monaci e monache buddisti subire gravi persecuzioni, alcuni di essi torturati e/o uccisi per aver rifiutato di conformarsi con le autorità. 

Fonte:http://www.breitbart.com/Big-Peace/2014/11/13/Obama-Says-No-To-Tibetan-Independence

http://www.phayul.com/news/article.aspx?id=35466&article=Obama+in+China+says+US+against+Tibet%27s+independence&t=1&c=1

Traduzione di Flavio Brilli, Laogai Research Foundation

http://www.laogai.it/obama-allindipendenza-tibet/

Related posts

LICENZIAMENTI: ‘LA LEGGE FORNERO NON SI APPLICA AL PUBBLICO IMPIEGO’

MILANO,CONTROVERSIA SULLA CONSIGLIERA DEL PD SUMAYA QADER: ‘CUGINO SOSPETTATO DI ESSERE DI AL QAEDA’, LA REPLICA:’NON LO VEDO DA ANNI, NON SAPEVO NIENTE DI QUESTA STORIA’

informazione-consapevole

Ecco perché le auto non ci piacciono più

informazione-consapevole