Crea sito
antiterrorismo Islam Not in My name Senza categoria Terrorismo

‘Not in my name’, musulmani d’Italia in piazza contro il terrorismo

'Not in my name', musulmani d'Italia in piazza contro il terrorismo /Foto

Si è aperta con un minuto di silenzio a Roma la manifestazione contro il terrorismo indetta da varie organizzazioni islamiche. La manifestazione, dal titolo ‘Not in my name’ in risposta agli attacchi di Parigi, è stata organizzata in piazza Santi Apostoli (FOTO).
”E’ nostro dovere assumere una posizione chiara e non negoziabile contro chi promuove il terrorismo, è dovere di ogni musulmano condannare la violenza e il terrorismo, i musulmani devono assumersi le loro responsabilità” ha detto il segretario generale della Grande Moschea di Roma Abdellah Redouane aprendo la manifestazione. ”Bisogna partecipare attivamente alla vita delle nostre città e sanare le ferite delle nostre periferie – ha aggiunto Redouane – L’impegno di tutti non è solo auspicabile, ma anche indispensabile”.
”Insieme possiamo vincere paura e terrorismo, se non lo facciamo hanno vinto i terroristi” ha sottolineato l’imam di Firenze Izzedin Elzir, presidente dell’Ucoii (Unione Comunità Islamiche d’Italia), alla manifestazione a Roma. ”Il terrorismo non ha sede, noi non siamo incivili come loro, la nostra presenza qui dimostra che la comunità islamica è parte integrante della comunità italiana”, ha rimarcato Elzir.
“No alle guerre sante. Nessuna guerra è santa. Solo la pace è santa” ha dichiarato Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, condannando “chi ha seminato il terrore. Dobbiamo stare insieme perché chi mette l’uno contro l’altro è nemico della pace”.
In piazza anche il regista toscano Paolo Virzì per dire “no all’odio, alla violenza, all’astio, alla tristezza, a questo progetto di morte”. Per Virzì è “ingiusto agitare paure in maniera facinorosa e becera per ottenere, semplicemente, qualche voto in più”. Nel corso del suo intervento il regista toscano ha abbracciato simbolicamente gli uomini e le donne musulmane presenti a piazza Santi Apostoli. “Vogliono distruggere la loro millenaria e affascinante cultura, la loro storia, ma noi non ci faremo scoraggiare, lo ripeto, da questo progetto di odio e di paura che vuole distruggere la nostra vita di gioia”.
Musulmani in piazza anche a Milano, a San Babila, dove almeno tremila persone si sono date appuntamento per dire no al fondamentalismo islamista e al terrorismo. Sono esponenti, uomini, donne e bambini, di oltre 90 comunità islamiche di Milano, Monza e Brianza. Dicono no alla politica del terrore ma chiedono “più moschee per poter educare i giovani ai veri valori dell’Islam”.
Davide Piccardo, coordinatore del Caim, ha esortato anche a dire “no alla strumentalizzazione politica e a cosa ha portato. Abbiamo già visto le persecuzioni razziali e dunque diciamo no all’antisemitismo e alla islamofobia. Lo diciamo forte e chiaro”. “Questa comunità – ha spiegato – se è chiamata a combattere il fondamentalismo deve essere messa nelle condizioni di farlo, deve essere rispettata ed essere riconosciuta 365 giorni all’anno, non solo dopo gli attentati”. “Abbiamo 695 luoghi di preghiera informali e solo cinque ufficiali. Non siamo – ha insistito Piccardo – messi nelle condizioni per educare i nostri giovani”.

Related posts

Preso in Germania un uomo con l’accusa di essere un fiancheggiatore di Anis Amri

informazione-consapevole

Libia, dall’Ue pronti 100 milioni di euro per un governo d’unità nazionale

informazione-consapevole

TURCHIA: AMBASCIATORE RUSSO ELIMINATO DURANTE UNA MOSTRA

informazione-consapevole