Crea sito
Cameron critica sociale Gran Bretagna inghilterra Morrissey musica Olimpiadi Olimpiadi Berlino 1936 Olimpiadi Londra opinioni politica Regno Unito Windsor

Morrissey sulle Olimpiadi: ‘Uguali a quelle nella Berlino nazista’

Sappiamo che odia il primo ministro David Cameron, che detesta tutto ciò che ha a che fare con la monarchia inglese, comprese cerimonie e, ultimamente, il sessantesimo Giubileo della Regina Elisabetta, e che ha idee quasi “grilline” sulla politica estera e su alcuni capi di stato internazionali. Per questo motivo eravamo pronti a sentire un’altra opinione contro da parte di Morrissey, stavolta sulle terze Olimpiadi ad arrivare a Londra. In questo caso, il cantante-icona è riuscito a stupirci con un paragone che tira in ballo addirittura i Giochi di Berlino, trionfo della propaganda ed estetica nazista.<

br />Così la dichiarazione, pubblicata dal suo sito non ufficiale True To You:
“Non riesco a guardare le Olimpiadi a causa dello sciovinismo imperante di cui l’evento è imbevuto. L’Inghilterra è mai stata così sporca di patriottismo? Gli abbaglianti componenti della famiglia reale naturalmente si sono impadroniti delle Olimpiadi per i propri bisogni empirici, e alla stampa libera non è consentita alcuna voce di opposizione. È letale assistere a tutto questo. Mentre Londra viene promossa improvvisamente a marchio di lusso, l’Inghilterra che non è Londra trema sotto tagli, momenti difficili e disastri economici. Intanto i media britannici presentano una copertura di 24 ore su 24 di tutto quanto viene fatto proprio dalla famiglia reale, che si divertono mentre spendono e spandono del “reali abbagliante”, ridendo come si spendono generosamente, come se fosse questa copertura mediatica a far sentire unita la la società britannica. Nel 2012, evidentemente si crede che il pubblico britannico sia composto di pigmei sottodimensionati, a malapena in grado di formulare un pensiero”.
“Recentemente ho guidato attraverso la Grecia, e notato graffiti ripetuti praticamente su ogni muro disponibile. In grandi lettere blu c’era scritto WAKE UP WAKE UP. Potrebbe quasi stata scritta con il pubblico britannico in mente, perché anche se lo spirito della Germania del 1939 pervade ormai tutta questa Gran Bretagna a misura di media, l’inevitabilità di avere nel 2013 un Lord e Lady Beckham (con sir Jamie Horrible a rincorrere) è, credetemi , un destino peggiore della vita. WAKE UP WAKE UP”.

Related posts

CONCERTO DI ESTREMA DESTRA AUTORIZZATO DAL COMUNE DI ROMA PER IL CORTEO DI CASA POUND, È POLEMICA

QUESTIONE OLEODOTTI, L’AMMINISTRAZIONE TRUMP DOVREBBE PENSARE A TUTELARE ANCHE L’AMBIENTE E NON SOLO GLI INTERESSI INDUSTRIALI

informazione-consapevole

Perché l’IMU è un’imposta nefanda. Colpisce il sacrificio degli italiani ed è incostituzionale

informazione-consapevole