Curiosità migranti Milano news Rom Video

Milano:ragazza di etnia Rom cerca di rubare a ragazza di origine cinese, ma due ragazze cinesi la prendono duramente a schiaffi


Di Salvatore Santoru

Negli ultimi giorni sta facendo il giro del web un video girato nel 2013 su un tram di Milano che riprende una ragazza di etnia Rom che viene presa a ceffoni e a calci da due ragazze di origine cinese, dopo un tentativo di furto.
Dopo i primi schiaffi, la ragazzina Rom si mette a piangere e in seguito dopo le proteste di alcuni italiani contro le cinesi per l’esagerata reazione, le due si placano e la ragazzina Rom viene tenuta ferma da una delle due cinesi.
Indubbiamente, tenendo conto che comunque aveva una motivazione comprensibile, quella delle ragazze cinesi è stata una reazione sproposita visto che è andata ben oltre il semplice fare capire all’altra ragazza che non doveva permettersi di rubare.<br />
Video YouTube – Scoprono rom che le sta derubando e la prendono a schiaffi

Intanto, il web si è diviso tra chi sta con le ragazze cinesi (la maggioranza degli utenti che commentano sul Giornale, http://www.ilgiornale.it/news/cronache/rom-prova-rubare-due-cinesi-viene-massacrata-botte-1124486.html), chi con la ragazzina Rom(Wired, http://www.wired.it/attualita/politica/2015/05/06/dalla-parte-rom-picchiata-in-tram-milano/)  e c’è da segnalare che la discussione virtuale è andata oltre le solite schematiche prese di posizione sui cittadini di origine non italiana, in quanto molti della “destra xenofoba” stanno con le “migranti” cinesi contro l’italiana di etnia Rom, e molti della “sinistra immigrazionista” con la ragazza italiana di etnia Rom e contro le due “migranti” cinesi.

Per approfondire:http://www.milanotoday.it/cronaca/video-portafoglio-rom-sberle-milano.html

Related posts

Arabia Saudita, 21enne condannato alla decapitazione e alla crocifissione per aver partecipato a proteste anti-regime nel 2012

informazione-consapevole

Arabia Saudita: gran muftì invoca la distruzione di tutte le chiese cristiane nell’area

Facebook See First, priorità alle notizie che ci interessano