Crea sito
conflitto israelo/palestinese Erdogan Israele Medio Oriente Nethanyahu Obama opinioni Palestina Senza categoria Siria Turchia UE

Medio Oriente: lo stallo infinito

Di Massimo Mazzucco

Un’altra delicata mossa è stata fatta ieri, nella complicatissima partita a scacchi che riguarda il Medio Oriente.

Con una telefonata improvvisa, fatta da un trailer dell’aeroporto di Tel Aviv prima di imbarcarsi, Netanyahu ha chiamato il primo ministro turco Erdogan per scusarsi della morte dei nove attivisti uccisi dagli israeliani nel 2010, quando la nave turca che trasportava gli aiuti ai Palestinesi cercò di forzare il blocco navale israeliano. Insieme alle scuse ufficiali è arrivato anche l’impegno da parte di Netanyahu di rimborsare i parenti delle vittime.<

br />
Naturalmente, non è possibile non notare come questa mossa sia avvenuta a poche ore dalla visita di Obama in Israele.

Questo significa che Obama ha insistito con Netanyahu perché si cospargesse il capo di cenere, poiché evidentemente è importante “sbloccare” l’appoggio della Turchia nel tentativo di rovesciare il potere di Assad in Siria.

È infatti dalla Turchia che partono le cosiddette “forze rivoluzionarie” della FSA che cercano di rovesciare Assad.

Ma la Turchia ha bisogno a sua volta di veder sbloccare l’embargo posto dall’Unione Europea sul rifornimento di armi ai “rivoluzionari” siriani. […]

Sembra quindi che sia l’Unione Europea a tenere in mano in questo momento le chiavi che potrebbero sbloccare definitivamente la situazione. Non ci vuole infatti molto a capire che, se venisse tolto l’embargo per armare i ribelli, il regime di Assad durerebbe 20 minuti al massimo

Naturalmente, la Turchia potrebbe anche decidere di armare unilateralmente i ribelli, per fare un piacere a Obama e Natanyahu. I turchi però stanno aspettando da anni che l’Unione Europea tolga finalmente i vari blocchi che ha posto sul loro ingresso in Europa, e non possono quindi rischiare di rompere il sottile equilibrio che sono riusciti a costruire fino ad oggi con le varie nazioni europee.

La Turchia inoltre è tutt’altro che disposta a schierarsi apertamente con Israele, in quanto insiste sulla soluzione dei due stati indipendenti, fra Israele e Palestina, con un ritorno ai famigerati confini del ’67. Cosa che invece, per Netanyahu e per i falchi sionisti, rimane inaccettabile.

Siamo quindi di fronte ad uno stallo senza apparente via d’uscita.

L’unica cosa certa è che i siriani continuano a morire, i palestinesi continuano a morire, e nemmeno il popolo israeliano ultimamente se la passa troppo bene. Forse sono loro gli unici che potrebbero dare la scossa necessaria a ribaltare definitivamente la situazione, a favore di una pace duratura per tutti.

Fonti: BBC, Politiken.

Fonte:http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4208

Related posts

PRODI BOCCIA L’UE SUI MIGRANTI E RIABILITA GHEDDAFI

HANG SON DOONG, LA CAVERNA PIU’ GRANDE DEL MONDO

informazione-consapevole

Pio XII complottava contro Hitler: lo afferma lo storico Mark Riebling nel suo nuovo libro

informazione-consapevole

4 comments

Matteo Tassinari Marzo 23, 2013 at 1:00 pm

Questo commento è stato eliminato dall’autore.

Matteo Tassinari Marzo 23, 2013 at 1:02 pm

Questo commento è stato eliminato dall’autore.

Matteo Tassinari Marzo 23, 2013 at 1:43 pm

Scusami il casino, pensavo d'essere in un altro blog comunque sono sempre con voi. Scusa, ma pensavo di parlare con una mia amica.Ciao, Matteo

Informazione Consapevole Marzo 23, 2013 at 7:10 pm

Non fa niente.Ciao :).

Comments are closed.