Antiproibizionismo bevande bibite gassate Coca Cola decreto Balduzzi fisco gioco d'azzardo governo tecnico Italia moralismo opinioni Proibizionismo salute salutismo Senza categoria slot machine tassa sul rutto tasse

Mario Sechi:governo tecnico,moralista e proibizionista

Il governo fa un salto di qualità. Non è più solo «tecnico» ma anche «salutista», «proibizionista» e «moralista». Ci ha pensato il ministro della Sanità Renato Balduzzi a trapiantare nel corpo montiano un po’ di «più sani, più belli e più tassati», una ventata di salubre jogging fiscale. Tassa sull’aranciata e la gazzosa, sigarette trattate come materiale da Al Capone, slot machine lontane almeno 500 metri da scuole e ospedali. È un’ansia da prestazione normativa degna di un mandarinato, non di un governo che vorrebbe essere liberale. Codice, paragrafo, comma e cavillo sono la nuova ossessione che fa impressione per la sua stupida inutilità. Professori. Kafkiani. Tassare i produttori di bibite zuccherate e gassate avrà l’effetto di aumentare il prezzo al consumo. Fare cassa con questi mezzucci da spennagalline è ridicolo. La motivazione nobile è che bisogna dissuadere le persone dal nutrirsi con cibi e bevande che rendono obesi. Ma va? E eccedere con il cioccolato che fa? E il formaggio? E i tonnarelli al cacio e pepe? Mai sentito parlare di educazione alimentare? Chi non vuole bere bibite gassate, semplicemente è stato educato – dalla scuola, dalla famiglia – a non farlo. Ma se qualcuno ama la Coca Cola, l’aranciata, il chinotto o «la spuma», non vedo perché debba pagare una sovratassa. Un mio caro amico, un raffinato scrittore, ieri ha abbandonato il suo aplomb: voleva scrivere un libello contro la «tassa sul rutto». E purtroppo non c’è niente di iperbolico in questa sua corrosiva definizione. E la trovata delle slot machine lontane da scuole e ospedali? Roba da intelligentoni. Signori, uscite dal circolo degli scacchi, entrate in una sala giochi. È istruttivo. Chi pigia i tasti della slot se ne infischia dei chilometri. Ci va e basta. Punta. Gioca. Perde. E l’Erario incassa. L’ipocrisia dello Stato che lucra sull’anidride carbonica e lo zucchero, il fumo, gli alcolici, fa il biscazziere con il poker online, organizza i giochi attraverso i Monopoli, succhia miliardi di euro e poi propina lezioni moraliste per decreto è indecente. Fanno gazzosa. E la tassano.<br />
Fonte: http://www.iltempo.it/politica/2012/08/28/1360164-tassano_anche_gazzosa.shtml

Related posts

I risultati dell’attuale politica estera statunitense sintetizzati in una vignetta

Cartone giapponese sul bombardamento di Hiroshima

L’IRAN DICE STOP AI NUTELLA BAR