Crea sito
Africa analisi antimperialismo approfondimento Global Research guerra delle risorse imperialismo francese Internazionale Mali Neocolonialismo opinioni Senza categoria

Mali: gli intrighi dell’intervento francese

Di Juan Carlos Díaz Guerrero

Il recente intervento militare della Francia in Africa, sostenuta dagli Stati Uniti e dall’Occidente, rivela che, al di là di presunte preoccupazioni per la democrazia e il debellamento del terrorismo, vi è la ricerca della riconquista dell’enorme ricchezza del continente.
In questo caso, è toccato Mali, dove 750 soldati francesi -con i mezzi di guerra e le attrezzature e il supporto logistico dei suoi alleati-, sono sbarcati in quel territorio, immerso in una crisi interna iniziata nel 2012 e che ha avuto il suo culmine il 22 marzo con un colpo di stato militare.<

br />Questo risultato ha portato a quello che oggi è dato come argomento per un intervento straniero: la minaccia terrorista chiamata dopo l’occupazione da parte di gruppi radicali islamici del nord con l’intenzione di imporre a forza la Sharia (la legge islamica).

L’avanzata di organizzazioni come Ansar Dine, Al-Qaeda nel Maghreb islamico e del Movimento per la Jihad in Africa occidentale, è stata utilizzata dalle truppe francesi come argomento per il dispiegamento di un intenso bombardamento aereo per sei giorni nel nord.
Tuttavia, l’attuale differenza di belligeranza in altri conflitti africani, sono segnati dal silenzio intenzionale dei media occidentali, che hanno appena segnalato la morte di un militare francese nell primo giorno dell’attacco, e non la morte di una dozzina di maliani.
Diverse fonti concordano sul fatto che l’intervento della Francia in Mali, è solo il pretesto delle ex potenze coloniali per riavviare la riconquista dell’Africa e, incidentalmente, per decomprimere l’Europa travolta da una grave crisi economica.
Inoltre, un’altra giustificaziona di Parigi per la sua recente incursione militare, si basa sulla dottrina degli Stati Uniti nel combattere il terrorismo in tutto il mondo, attraverso l’occupazione, la morte e il saccheggio delle risorse naturali da parte delle multinazionali.
Vari studi citati da Global Research, stimano che il Mali è la vittima di un tentativo da parte delle potenze occidentali nell’ “intensificare il controllo delle risorse e delle economie” in Africa, piena di ambite risorse naturali: oro, petrolio, diamanti e columbite-tantalite.
Uno sguardo alle enormi risorse minerali ed energetiche presenti nel paese nordafricano, sarebbero sufficiente per esporre i veri motivi della Francia e dei suoi alleati ad un intervento armato.
Lo stato africano è il terzo produttore di oro del continente, con otto miniere operative e famose per tale risorsa mineraria sin dai tempi del grande impero, come affermano i ricercatori di Global Research.
Vi è anche l’uranio, necessario per mantenere il funzionamento delle centrali nucleari, e nuovi depositi sono stati scoperti, di recente, in diverse province, in particolare nel nord e Gao Kidal, occupata dagli islamisti dal maggio 2012.
Il Mali potrebbe essere anche un produttore di petrolio e fornitore di gas per l’Europa, e si è rivelato anche fonte di diamanti, minerali di ferro, bauxite e manganese (queste ultime non sfruttate), rame, gesso, marmo e altri minerali, secondo la fonte citata.

L’intervento militare francese in Mali mette in pericolo anche l’enorme e ricco patrimonio della provincia di Timbuktu, in quanto registrata dal 1988 nella lista del patrimonio storico delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la Cultura (UNESCO).
Immerso nel deserto e circondato da leggende, questa città è stata fondata tra l’XI e il XII dai berberi e i nomadi Tuareg provenienti dal nord, ed è sede di importanti valori culturali, oltre ad essere un’importante centro di scambi commerciali e città prosperosa nel XVI secolo, descritta come l’età dell’oro.
La distruzione da parte degli estremisti islamici di alcuni monumenti e santuari ritenuti offensivi per la loro religione, ha generato un’ondata di condanne internazionali ed è stata utilizzata dalla Francia per le sue pretese, materializzando l’attuale aggressione.

Fonte:http://grupostirner.blogspot.it/2013/01/mali-intringulis-de-la-intervencion.html

Traduzione di Nexus Co

http://ienaridensnexus.blogspot.it/2013/01/mali-gli-intrighi-dellintervento.html

Related posts

BARACK OBAMA È A CUBA LA STORICA VISITA DEL DISGELO

Siria:l’esercito governativo uccide 2 comandanti dell’ISIS

Attentati Parigi: recentemente l’ISIS aveva lanciato un cyber attacco contro siti francesi(#FranceUnderHacks) e pochi giorni fa un miliziano era stato fermato mentre pianificava un’attacco

informazione-consapevole