Crea sito
cibo Facebook ricette video Senza categoria social network Tasty Video

Lo straordinario successo delle ricette video su Facebook

Negli ultimi mesi sta crescendo sempre di più la popolarità di alcune pagine Facebook che pubblicano brevi video di ricette culinarie. La più famosa di tutte, Tasty, è stata lanciata dal sito americano BuzzFeed alla fine di luglio 2015: nel giro di sei mesi ha ottenuto 32 milioni di “mi piace” – quasi il decuplo dei “mi piace” che ha la pagina delWashington Post, per esempio – e nel mese di dicembre è stato il produttore di video più popolare su Facebook, con più di un miliardo di visualizzazioni totali ai propri video. Sull’onda del successo di Tasty sono state lanciate diverse pagine simili – fra cui anche un Tasty con ricette più raffinate, sempre curato da BuzzFeed: Proper Tasty – che a loro volta stanno crescendo sempre più. Il guaio, però, è che nonostante i numeri enormi queste pagine non hanno ancora trovato un modo stabile per fare soldi, dato che Facebook non ha ancora sviluppato un modello di business da offrire ai produttori che caricano i video direttamente sulla loro pagina. I gestori di queste pagine si stanno comunque inventando nuovi modi per cercare di “monetizzare” il loro successo, e sottolineano che stanno ottenendo diversi benefici.
Le basi
Il format delle video-ricette è piuttosto rigido: i video durano qualche decina di secondi, mostrano le fasi salienti della realizzazione di un piatto – spesso con immagini velocizzate – assieme a istruzioni testuali sugli ingredienti e la cottura, in sovraimpressione. I piatti sembrano quasi tutti molti semplici e immediati da realizzare, e il risultato è sempre perfetto: più la pagina è professionale, più le inquadrature, il colore degli ingredienti e il montaggio fluido del video contribuiscono a renderlo affascinante.


Related posts

Israele: attentati in serie tra Gerusalemme e Tel Aviv

informazione-consapevole

Il Vorticismo, la risposta inglese al Futurismo italiano

Migranti, la lettera della bambina sopravvissuta al naufragio: “Cari fratelli, vi prego non attraversate il mare. C’è solo morte”