Crea sito
olio d'oliva olio d'oliva extravergine Scandali

Lo scandalo dell’olio d’oliva extravergine che non lo era

scandalo olio d'oliva extravergine truffa

Di Alessandro D’Amato

La storia dell’olio d’oliva che non era extravergine comincia nel maggio scorso, quando la rivista Test (ex Salvagente) pubblica i risultati di un’analisi dell’Agenzia delle Dogane su prodotti in commercio di Carapelli, Santa Sabina, Bertolli gentile, Coricelli, Sasso, Primadonna (confezionato per la Lidl) e Antica Badia (per Eurospin), oli prodotti in Toscana, Abruzzo e Liguria.




(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});


 E subito dopo tutti i documenti finiscono alla magistratura di Torino, che decide di ripetere i test. Dai risultati delle analisi a campione, affidate ai carabinieri del Nas dal procuratore aggiunto Raffaele Guariniello, l’extravergine di oliva indicato sulle etichette, sarebbe solo olio «vergine», meno pregiato e, soprattutto, meno costoso per i produttori, ma non per i consumatori che spenderebbero, invece, il 30% in più.

Lo scandalo dell’olio d’oliva

I campioni sono stati sottoposti tanto all’esame organolettico del panel test (colore, dimensione, forma, sapore, odore e tessitura), quanto all’esame chimico (composti e acidità) per verificare il rispetto dei parametri normativi. Sette oli su 20 sono stati bocciati all’esame organolettico, in quanto non conformi ai parametri richiesti e, considerato che per legge un extravergine non può presentare attribuzioni negative, sono stati declassati a semplici vergini.  Le verifiche del laboratorio delle Dogane risalgono allo scorso mese di maggio, così come la segnalazione di Il Test alla procura di Torino. A questo punto arriva l’indagine per frode in commercio e l’accusa di Guariniello. Prima della rivista era stato Tom Mueller nel libro “Extraverginità” a infondere dubbi sull’olio made in Italy, come racconta oggi il Corriere della Sera:
In realtà, prima ancora di Il Test, dubbi sull’autenticità di alcuni extravergine, erano stati espressi dal giornalista e blogger americano Tom Mueller nel libro «Extraverginità». Mueller, che dal 2007 vive in Liguria, ha indagato sulle frodi di uno dei prodotti più noti del made in Italy e al suo lavoro si sarebbe ispirato il New York Times per realizzare 15 tavole grafiche intitolate «Il suicidio dell’extravergine». Nel volume, pubblicato da Edt con la prefazione di Milena Gabanelli, analizzando le frodi sul vino sull’olio, il blogger scrive: «Gli effetti del vino su di noi sono chiari e repentini, mentre l’olio lavora sul corpo per vie nascoste, lente, e indugia nelle cellule e nella mente come i miti. Il vino è l’allegro Dioniso; l’olio è Atena, solenne, saggia e irriconoscibile. Il vino incarna la vita che vorremmo, ma l’olio rappresenta la vita così com’è: fruttata, pungente e con una sfumatura d’amarezza complessa — la triade sfuggente dell’extravergine».

FONTE E ARTICOLO COMPLETO: http://www.nextquotidiano.it/lo-scandalo-dellolio-doliva-extravergine-che-non-lo-era/

Related posts

Il buio della politica e del nostro paese

informazione-consapevole

Paolo Gabriele: un Assange in Vaticano

Il crollo di un sistema

informazione-consapevole