Crea sito
Gheddafi ISIS Libia news Sirte terrorismo islamico

L’Isis ora controlla anche Sirte, la città natale di Gheddaffi

L'Isis ora controlla anche Sirte, la città natale di Gheddaffi

Di Massimo Melani

La notizia è stata annunciata da Mohammed Abu Shager, militare che combatte per il Governo di Tripoli, attraverso il giornale libico «The Daily Star».I terroristi dello stato Islamico controllano la città di Sirte, situata sulla costa mediterranea. 
Sirte, famosa città della Libia per essere stato il luogo natale del dittatore Muamar Gheddafi, è stata presa dai jihadisti, che appoggiano il conflitto civile che sta vivendo il Paese per estendere il loro controllo sul territorio. 
Dalla morte di Gheddafi, avvenuta nell’ottobre 2011, due schieramenti lottano aspramente fra di loro. 
Da una parte quello di Tripoli, vincolato ai Fratelli Musulmani, dall’altra quello di Tobruk, molto più moderato. 
 : – Ogni notte hanno aperto il fuoco contro di noi, ha detto Abu Shanger.                Un combattimento militare contro i terroristi, che si è svolto a meno di un chilometro dai pressi di Sirte. I jihadisti dell’Isis hanno il loro terzo più forte baluardo in Libia, un paese che ha subito la loro violenza negli ultimi mesi. 
Nel febbraio del 2015, decine di egiziani cristiani copti sono stati decapitati. Alla fine di aprile, un gruppo di cinque giornalisti televisivi libici hanno avuto lo stesso destino.
Lo Stato Islamico ha subito preso il controllo di Derna, una città situata all’est della Libia, cercando immediatamente di estendere il suo potere. 
Nel paese africano, il gruppo terroristico si nutre di miliziani che ritornarono dalle guerre in Siria e Iraq. Per adesso, i governi occidentali non sembrano disposti a combattere in questo territorio, a differenza dei bombardamenti che scatenano nelle posizioni in Medio oriente. Forse per il ricordo ancora fresco della fallita operazione della NATO nel 2011 che abbattè Gheddafi, ma affondò la nazione nel caos.
I terroristi in seguito riuscirono ad avvicinarsi a Sirte grazie alla mancanza di controllo generata dalla morte del dittatore. Lo Stato Islamico approfittò di un depistaggio dei miliziani di Misrata, un città dell’ovest della Libia che appoggiava il governo di Trípoli. I combattenti che lanciarono l’offensiva in febbraio per impadronirsi del maggiore pozzo petrolifero del paese, Es Sidra, lasciarono via libera agli jihadisti per impadronirsi dell’urbe dove nacque Gheddafi. 
Da allora, gli assassini islamisti radicali sono riusciti ad estendere il loro potere su tutto il territorio.

Related posts

Turchia:premier accusa di “razzismo” l’Europa per aver adottato una risoluzione che invita il governo a riconoscere il genocidio armeno

FRANCIA, IL DIVIETO DI ZAINI E BORSE IN SPIAGGIA A CANNES: PIU’ CHE MISURA ANTITERRORISMO SEMBRA UNA MISURA CONTRO IL TURISMO

I PRIMI EFFETTI POSITIVI DELLA BREXIT