Crea sito
nazionalsocialismo nazismo opinioni Senza categoria

Le origini “socialiste” e di “sinistra” del nazismo

Manifesto di di propaganda nazista, inverno 1932. “La nostra ultima speranza: Hitler”,http://www.nazioneindiana.com
Di Daniel Hannah

http://www.telegraph.co.uk/

Il 16 Giugno 1941, mentre Hitler preparava le sue forze per l’Operazione Barbarossa [invasione dell’Unione Sovietica, ndt], Josef Goebbels lavorava al “nuovo ordine” che i nazisti avrebbero imposto alla Russia, una volta conquistata. Non ci sarebbe stato ritorno, egli scriveva, per i capitalisti, per i preti e per gli Zar. Piuttosto, in luogo del degradato bolscevismo ebraico, la Wehrmacht avrebbe imposto “Der echte Sozialismus”: il socialismo reale.
Goebbels non ha mai dubitato del fatto di essere un socialista. Egli concepiva il nazismo come una migliore e più plausibile forma di socialismo, rispetto a quella che veniva propagandata da Lenin.


Invece di diffondersi attraverso le nazioni, [il socialismo] avrebbe operato all’interno del Volk [Volk è una parola assai più pregnante di “popolo” dal momento che, fin dall’inizio del Romanticismo germanico, per i pensatori tedeschi Volk denotava una serie di individui legati da una “essenza” trascendente, volta a volta definita “natura” o “cosmo” o “mito”, ma in ogni caso tutt’uno con la più segreta natura dell’uomo. Costituiva la fonte della sua creatività, dei suoi sentimenti più profondi, della sua individualità e della sua comunione con gli altri membri del Volk, ndt].
Così totale è la vittoria culturale della sinistra moderna, che finanche il mero racconto di questi eventi finisce con l’essere stridente. Ma è una questione che pochi, all’epoca, avrebbero trovato particolarmente controversa. George Watson così ha scritto nel “The Lost Literature of Socialism”:
E’ chiaro oltre ogni ragionevole dubbio che Hitler ed i suoi collaboratori credevano di essere socialisti e che altri, inclusi i socialdemocratici, la pensavano allo stesso modo.
L’indizio è nel nome. Le generazioni successive della sinistra hanno cercato di spiegare la presenza [imbarazzante] del termine “socialista” nel nome di quel partito [Partito Nazionale Socialista dei Lavoratori Tedeschi], definendola come una cinica trovata pubblicitaria, o un’imbarazzante coincidenza. Il termine, invece, indicava esattamente quello che il NSDAP si proponeva.
Hitler, in effetti, disse a Hermann Rauschning  [un prussiano che aveva brevemente lavorato per i nazisti – prima di respingere quest’ideologia e fuggire dal paese – e che aveva molto ammirato il pensiero dei rivoluzionari conosciuti in gioventù e che credeva fossero, però, più dei chiacchieroni che dei prevaricatori] che: “ho messo in pratica ciò che questi venditori ambulanti, questi pennivendoli, avevano timidamente cominciato a fare”, aggiungendo che l’intero nazionalsocialismo si basava su Marx.
Hitler credeva che l’errore di Marx fosse stato quello di favorire la guerra di classe, invece dell’unità nazionale – ovvero di aver volto i lavoratori contro gli industriali, invece di arruolare entrambi [i gruppi] nel rispettivo ordine corporativo.
Il suo scopo, come sosteneva il suo consigliere economico, Otto Wagener, era quello di convertire il “Volk” tedesco al socialismo, senza eliminare al contempo i vecchi individualisti – termine con il quale indicava i banchieri ed i proprietari della fabbriche – che potevano meglio servire il socialismo, egli pensava, generando entrate per lo Stato. “Quello che il marxismo, il leninismo e lo stalinismo non sono riusciti a raggiungere – sosteneva Wagener – saremo in grado di ottenerlo noi“.
I lettori di sinistra staranno ormai ribollendo. Ogni volta che tocco quest’argomento, quelli che si ritengono progressisti e considerano l’antifascismo come parte della propria ideologia, danno in escandescenze.
Per essere chiaro, non credo assolutamente che le sinistre moderne abbiano delle subliminali tendenze naziste, o che il loro odio per Hitler sia in alcun modo una finzione. Non è questo quello che voglio dire. Quello che voglio sostenere, in tutta sincerità, è che la continuità ideologica tra libero mercato e fascismo è un’idea altrettanto falsa.
L’idea che il nazismo non sia che una forma di conservatorismo, seppur più estrema, si è fortemente insinuata nella cultura popolare. Ce ne rendiamo conto non solo quando dei foruncolosi studenti gridano “fascista” ai Tories [membri del Partito Conservatore britannico, ndt], ma anche quando gli esperti definiscono i partiti rivoluzionari anticapitalisti – come ad esempio il BNP [British National Party] e la Golden Dawn [in Grecia] – come “estrema destra”.
Su che cosa si basa questa connessione? E’ come se si dicesse, puerilmente, che quelli di sinistra sono compassionevoli, mentre quelli di destra sono brutti, e che i fascisti sono cattivi.
Messa giù in questo modo l’idea sembra un po’ idiota … ma pensate ai gruppi di tutto il mondo che la BBC, ad esempio, definisce “di destra”: ovvero ai talebani [che vogliono la proprietà comune dei beni], oppure ai rivoluzionari iraniani [che hanno abolito la monarchia, sequestrato le industrie e distrutto la classe media], o a Vladimir Zhirinovsky [Vicepresidente del Parlamento Russo, membro dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa e leader del Partito Liberal-Democratico Russo, ndt], che si strugge per lo stalinismo.
Friedrich von Hayek [filosofo ed economista austriaco, fondatore della scuola liberista detta “austriaca”, ndt] sottolineò, nel 1944, che la loro battaglia fu molto feroce perché si trattava, in realtà, di una battaglia tra fratelli.
L’autoritarismo – ovvero, tanto per dargli un nome meno carico, la convinzione che la coazione statale sia giustificata dal perseguimento di un obiettivo più alto, come ad esempio il progresso scientifico o una maggiore uguaglianza – è stato tradizionalmente una caratteristica sia dei socialdemocratici che dei rivoluzionari.
Jonah Goldberg ha lungamente descritto il fenomeno nella sua opera magna, “Liberal Fascism”. Molte persone si sentono offese dal suo titolo, evidentemente senza averlo letto perché, fin dalle prime pagine, egli rivela che la frase non era sua. Citava un impeccabile progressista, HG Wells, il quale, nel 1932, disse ai giovani liberali che dovevano diventare “liberal-fascisti” e “nazisti illuminati”.
In quei giorni molti tra i più importanti intellettuali progressisti, tra cui Wells, Jack London, Havelock Ellis ed i Webbs, erano a favore dell’eugenetica, convinti che solo le ossessioni dei religiosi stavano trattenendo lo sviluppo di una specie più sana.
Il modo asettico [senza rimorsi, ndt] con cui ne furono precisate le conseguenze, sono state ampiamente modificate nel nostro discorso [come del resto le reali parole di Hitler]. George Bernard Shaw, ad esempio, così ebbe a dire nel 1933:
Lo sterminio deve essere fatto su base scientifica [se mai uno sterminio sia mai stato effettuato con umanità e con rimorso] e fino in fondo … Se vogliamo un certo tipo di civiltà e di cultura, dobbiamo sterminare il genere di persone che non vi rientra.
L’eugenetica, naturalmente, sfocia facilmente nel razzismo. Lo stesso Engels parlò di “spazzatura razziale”, riferendosi a quei gruppi che sarebbero stati necessariamente soppiantati una volta che il socialismo scientifico fosse stato attuato.
Condite tutto ciò con una spolverata di anti–capitalismo e spesso otterrete l’anti–semitismo di sinistra, un qualcosa che abbiamo tagliato dalla nostra memoria, ma che una volta sarebbe passata senza obiezioni. “Com’è possibile che un socialista possa non essere antisemita?” E’ questo quello che Hitler aveva chiesto ai membri del suo partito, nel 1920.
Gli intellettuali della sinistra contemporanea che criticano Israele sono, in segreto, anti–semiti? No. Non nella stragrande maggioranza dei casi. Sono, i socialisti moderni, interiormente desiderosi di mettere nei campi di prigionia gli scettici del riscaldamento globale? No. Vogliono, i keynesiani, [introdurre] l’intero impianto del corporativismo, che fu definito da Mussolini come “tutto nello Stato, nulla fuori dello Stato”? Ancora una volta, no.
Ci sono degli idioti, ovviamente, che finiscono con lo screditare ogni causa, ma la maggior parte delle persone di sinistra è sincera nel suo dichiarato impegno per i diritti umani, per la dignità personale e per il pluralismo.
nazi telegraph2
Il Partito Nazista Olandese fu altrettanto esplicito: “Con la Germania contro il capitalismo”

nazi telegraph 3
Un’altra immagine del Partito Nazista Olandese: “Il nostro socialismo è il tuo futuro”
Traduzione per www.comedonchisciotte.org da FRANCO

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=13045

Related posts

Bologna: martedì 19 gennaio incontro dell’estrema destra europea e in Piazza Nettuno ci sarà un presidio antifascista

informazione-consapevole

Putin attacca sanzioni Ue: “teatro dell’assurdo”, danneggiano tutti

informazione-consapevole

Palermo:i bambini delle elementari raccontano il bullismo con i disegni