Africa Islam Muridiyya Religioni Senegal Senza categoria spiritualità sufismo Tijaniyya

Le confraternite sufiche in Senegal

Di Vittoria Squillacioti
Gli ordini sufici Tijaniyya e Muridiyya hanno svolto in Senegal un ruolo molto importante, non solo nell’ambito propriamente religioso, ma anche come mediatrici nei rapporti con il potere politico, prima con quello coloniale e poi con quello instaurato dopo l’indipendenza (1960). I discepoli di queste confraternite dedicano la loro vita alla comunità religiosa prendendo come punto di riferimento spirituale il capo religioso, chiamato serign, shaykh o marabut. I discepoli credono che solo attraverso il rispetto delle regole della confraternita impartite dal Serign sarà possibile ottenere il perdono di Dio e di conseguenza il Paradiso. L’influenza della Muridiyya, in particolare, è vasta e si estende ad ogni campo della vita di chi ne fa parte e in alcuni casi la parola del Marabut arriva ad essere legge indiscutibile.

FONTE E ARTICOLO completo:Eurasia-Rivista di Studi Geopolitici:la Geopolitica delle Religioni-3/2014

Related posts

M.D. Nazemroaya: “Vi racconto cosa sta succedendo in Libia (e in Siria)”

La bandiera della Palestina sventolerà all’Onu

informazione-consapevole

L’altro nazismo: tra ecologismo,salutismo,nudismo,esoterismo e magia