Crea sito
AL QUAEDA Guerra in Iraq Imperialismo USA Iraq Iraq post guerra ISIS islamismo radicale Nouri al-Maliki Saddam Hussein Senza categoria storia terrorismo islamico

L’avanzata dell’ISIS in Iraq, il conflitto sunniti/sciiti e le responsabilità della politica estera statunitense



Di Salvatore Santoru

Com’è noto l’avanzata dell’ISIS in Iraq nel 2014 sfociò nella crisi politica che portò alla caduta del premier sciita Nouri al-Maliki(1), che dal 2005 governava il paese.
I militanti dello Stato Islamico, attivi sin dal 2004 come cellula di Al Qaeda e in seguito divenuti autonomi nel febbraio del 2014(2), riuscirono a far leva sul risentimento di una parte della popolazione sunnita irachena, discriminata da parte della fazione sciita al potere.

http://www.nytimes.com

<

br />Difatti, com’è noto all’interno dell’Islam mediorientale vi è una “guerra fredda civile”(3) tra sunniti(ortodossi) e sciiti(riformatori) che negli ultimi tempi si è assai radicalizzata, sopratutto a seguito del suo utilizzo politico da parte delle potenze concorrenti nella regione(4), ovvero l’Arabia Saudita e l’Iran, rispettivamente potenze che sono considerate o si considerano rappresentanti dell’Islam politico sunnita e di quello sciita nell’area.

Stampa
https://perspektivon.wordpress.com

In Iraq, dopo la fine della guerra gli USA decisero di consegnare il paese alla fazione sciita (indirettamente o direttamente vicina all’Iran) e lasciarono praticamente a sé quella sunnita, rimasta “orfana” di rappresentanza per la fine del regime del sunnita Saddam Hussein, ed in seguito una parte di essa si è sempre di più radicalizzata fornendo terreno fertile per le formazioni integraliste sunnite e antisciite come Al Qaeda e di recente la stessa Isis(5).

http://www.ynetnews.com

Chiaramente, la guerra in Iraq e la sua gestione alquanto miope da parte della politica estera statunitense è stata l’evento che ha fatto precipitare il paese nel caos, inizialmente sempre più latente e recentemente venuto sempre di più a galla.

http://www.internazionale.it

Il fatto è che con l’eliminazione di Saddam Hussein sono venuti meno tutti quegli equilibri che caratterizzavano il paese, in quanto per quanto fosse un regime dittatoriale, quello di Saddam perlomeno era riuscito a tenere d’accordo tutto sommato sunniti e sciiti, combattendo l’estremismo religioso (tra cui quello sunnita alimentato dai regimi del Golfo), e garantendo una maggiore stabilità politica con un mix tra nazionalismo,socialismo e panarabismo tendente a un’islamismo laico,moderno e rispettoso delle differenze religiose, tanto che c’è da segnalare che ad esempio il vice-primo ministro Tareq Aziz era di fede cristiana(6).

Saddam Hussein,Tariq Aziz e altri gerarchi del Baath, http://www.telegraph.co.uk

Dopo la sua uccisione e con l’avanzare dell’occupazione statunitense la situazione è diventata sempre più precaria, e anche diversi ex sostenitori del regime di Saddam e del suo partito “Baath” si sono radicalizzati virando sempre di più verso l’integralismo sunnita portato avanti da Al Qaeda e formazioni simili, e proprio in questo “brodo ideologico/religioso” che è nata la formazione estremista che oggi conosciamo come l’Isis.

NOTE:
(1)http://it.ibtimes.com/iraq-si-e-dimesso-il-premier-nouri-al-maliki-1354284
(2)http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/08/ecco-cose-lisis-il-gruppo-islamista-che.htmlhttps://it.wikipedia.org/wiki/Stato_Islamico
(3)http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2015/01/altro-che-islam-vs-occidente-la-vera.html
(4)http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/10/medio-oriente-la-guerra-fredda-tra-iran.html
(5)http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2015/02/i-semi-dellisis-nel-carcere-di-camp.htmlhttp://www.panorama.it/news/esteri/i-fedelissimi-di-saddam-e-lo-stato-islamico/
(6)https://it.wikipedia.org/wiki/Tareq_Aziz

FOTO IN ALTO:http://uk.businessinsider.com

Related posts

Arabia Saudita contro i diritti LGBT all’ONU:”fuori dai Global Goals”

L’ultimo viaggio di Obama in Europa: “L’austerità da sola non genera prosperità”

informazione-consapevole

Economia:intervista a Salvatore Tamburro sul signoraggio bancario

1 comment

surbhi sharma Maggio 13, 2016 at 9:52 am

I want to thank you for this great article. Really loved reading your way blog post. The information was very informative and helpful. Packers And Movers Hyderabad Packers And Movers Hyderabad to GurgaonPackers And Movers Hyderabad to Haridwar

Comments are closed.