antiterrorismo curdi Curiosità ISIS Jiadhismo Salman Talan Senza categoria Siria

La storia di Salman Talan, il “milanese curdo” morto per combattere l’ISIS in Siria



Di Salvatore Santoru<br />
Durante le dure battaglie nel Kurdistan iracheno tra le milizie curde e i terroristi dell’ISIS, oltre ai combattenti autoctoni, diversi sono venuti da tutto il mondo.

Come ben si sa, con l’ISIS hanno combattuto miliziani un pò da tutto il mondo, tra cui sembra anche un’italiano( secondo le ultime indiscrezioni si tratterebbe di un tunisino residente a Milano), che a quanto pare è rimasto ucciso da una guerrigliera curda durante la battaglia di Kobane.

al-islam abu izai fuori

Ciò non deve sorprendere, essendo l’ISIS perlopiù formato da mercenari provenienti dalla Tunisia, dal Ciad, dal Sudan, dalla Mauritania e da diversi paesi europei, tanto che a buon ragione si può parlare di “internazionale jihadista“.



Meno conosciuto è il fatto che anche per sostenere la causa curda, diversi combattenti, perlopiù di origine curda, siano venuti dall’estero, animati dall’ideale di combattere la minaccia rappresentata dal jihadismo internazionale e dai suoi sponsor.

 A tal proposito, il “Corriere della Sera” dell’11 febbraio ha raccontato la storia di Salman Talan, un ragazzo 23enne di origine curda nato in Turchia e residente a Milano da quando aveva 4 anni, che da quando aveva 18 anni ha incominciato a girare mezza Europa per “formare” una sorta di “internazionale europea” della comunità curda, e dall’anno scorso è andato a combattere in Siria, con il nome d’arte di “Erdal Welat” (“Erdal Terra mia”) contro l’ISIS e per l’autodeterminazione nazionale del  popolo curdo.

Risultati immagini per Salman Talan

Salman ha combattuto con le milizie del “Yekîneyên Parastina”(Unità di protezione popolare), braccio paramilitare siriano del turco PKK (il “Partito Curdo dei lavoratori ) inizialmente a Sengal, città che è stata liberata prima di Kobane, e insieme a lui moltissimi curdi dall’Europa, sopratutto dalla Germania e dai paesi nordici, hanno deciso di unire i loro sforzi per combattere l’ISIS.

Risultati immagini per YPG MILITIA


Purtroppo però, il 27 gennaio 2015 è rimasto vittima dei bombardamenti effettuati dall’ISIS nel villaggio di  Berbiroj, ed è stato seppellito nella sua città natale,Pazarcik, anche se il sindaco turco ha vietato il corteo funebre, in quanto per il governo turco tutti i combattenti curdi sono “terroristi”, mentre l’ISIS no, visto che i terroristi islamisti si sono addestrati e sono stati abbondantemente finanziati proprio dallo stato guidato dal regime di Erdogan.

Related posts

M5s, il deputato Di Stefano sul blog di Grillo: “Nato mette a rischio l’Europa, ridiscutere la presenza dell’Italia”

informazione-consapevole

Quando Reagan accoglieva i Mujahideen afghani alla Casa Bianca (VIDEO)

informazione-consapevole

L’involuzione dell’essere umano moderno

informazione-consapevole