Crea sito
bufale Madonna di Anguera profezie Senza categoria

L’interpretazione della profezia della Madonna di Anguerra su Roma e l’ISIS ha toppato

Guarda la versione ingrandita di

Di Salvatore Santoru

Da diverso tempo nel web circolava la profezia attribuita alla Madonna di Anguerra su un’attacco dell’ISIS a Roma, o meglio una sua interpretazione secondo cui il 23 marzo 2016 la capitale sarebbe stata colpita dai seguaci del Califfo.
Ieri 22 marzo, anche in questo blog è stato riportata l’inquietante “avvertimento”, facendo però una dovuta premessa che “Tale ripresa dell’articolo è fatta a fini puramente informativi e di curiosità, senza esprimere in questa sede giudizi sulle presunte validità o veridicità di tali profezie e sulle interpretazioni e utilizzi che ne vengono fatte, tenendo anche presente che queste profezie e interpretazioni di esse solitamente “valgono” per chi crede e non sono tenuti in considerazione da chi non crede”(1).
Difatti, stabilire l’attendibilità o meno di tali profezie e delle loro interpretazioni è praticamente impossibile e bisognerebbe cercare di utilizzare a riguardo un dovuto spirito critico, pur tuttavia senza sbarrare totalmente la strada al dubbio e alla ricerca su tematiche di ordine “irrazionale” e “paranormale”, le quali risultano indubbiamente sempre molto affascinanti e interessanti e meriterebbero sempre di più un’attenta analisi scevra da pregiudizi, siano essi di origine troppo “fideistica” che estremamente “scettica”.
Inoltre, c’è da dire che bisognerebbe dubitare più spesso delle interpretazioni che delle profezie o presunte tali vengono date, semplicemente perché solitamente o sono decontestualizzate o alquanto forzate.

NOTE:
(1)http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2016/03/isis-roma-il-23-marzo.html

Related posts

DIEGO FUSARO A MATRIX: ‘L’OLIGARCHIA FINANZIARIA ODIA LA DEMOCRAZIA’: VIDEO

informazione-consapevole

Rigettato il ricorso contro il contratto del Movimento 5 Stelle, Raggi era eleggibile

informazione-consapevole

Hitler e i Superiori Sconosciuti