Crea sito
Est Europa Europa Jens Stoltenberg NATO nuova guerra fredda Russia Ucraina

La NATO rafforza la sua presenza nell’Europa dell’Est: dagli attuali 13mila si passerà a 30mila soldati

Di Salvatore Santoru

Dopo l’annuncio dell’invio di 5mila soldati in Ucraina, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato, in un discorso tenuto a Bruxelles, che l’Alleanza Atlantica è pronta a rafforzare la sua presenza nell’Europa dell’Est.
Lo stesso Stoltenberg ha affermato che questo sarebbe “il più grande rafforzamento e riposizionamento della difesa collettiva della Nato fin dai tempi della Guerra Fredda”.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg oggi a Bruxelles

Dagli attuali 13mila si passerà a ben 30mila soldati da impiegare nell’area, e ovviamente si procederà nella costruzione di nuove basi a fini strategici e geopolitici.

Questa decisione è da inquadrare negli attuali scenari di “nuova guerra fredda” che vedono contrapposti da una parte la NATO, gli USA e l’UE e dall’altra la Russia.

Clicca la mappa


In tutto questo, l’Europa viene utilizzata come mero campo di battaglia, stretta come nella Guerra Fredda apparentemente “finita” vent’anni fa, tra le mire della NATO e quelle eventuali russe.

Related posts

VERONA: QUASI 10MILA AGRICOLTORI ALLA MANIFESTAZIONE DELLA COLDIRETTI CONTRO L’EMBARGO RUSSO

Ue: Presto confisca conti bancari in tutta Europa

Sale la tensione USA-Russia nel Mar Baltico, aereo russo sfiora quattro navi Nato