Crea sito
cannabis cervello cultura Droga droghe leggere marijuana Mente scienza

La marijuana non danneggia la mente:la memoria non va in fumo.

Di Pietro Minto



Un recente studio di un’università australiana ha dimostrato che il consumo di cannabis non influenza le capacità mentali delle persone. E così ora lo stereotipo del fumatori di canne dal passo lento e dall’occhio vacuo pare demolito scientificamente.
LA RICERCA E IL CAMPIONE. Il team scientifico ha esaminato 2.000 giovani australiani per otto anni, proponendogli periodicamente test ed esami cognitivi e mnemonici, mirati a saggiare la loro memoria a breve, medio e lungo periodo. Dopo una prima, errata analisi dei dati, il team ha scoperto che tra fumatori e non fumatori la media dei punteggi ottenuti era praticamente identica: la cannabis non aveva influenzato la memoria e la capacità logica del campione.
MEMORIA A BREVE TERMINE. L’unica differenza interessa la memoria a breve termine, che vede i risultati dei consumatori di marijuana più bassi della media. Ma i ricercatori hanno poi constato che tale gap veniva colmato molto velocemente da chi smetteva di fumare. Il danno alla memoria, oltreché minimo, è quindi riparabile.
SCIENZA E DROGA. Lo studio universitario è solo l’ultimo di una lunga serie che ha ridefinito l’idea di marijuana, allontanandola da quella di droga e sottolinendone i lati benefici, anche dal punto di vista medico.



Da Lettera 43

Related posts

L’universo non esiste se smettiamo di guardarlo:la tesi dell’esperimento scientifico della Australian National University

informazione-consapevole

Astrofisica italiana svela la nascita della Luna:nacque da uno scontro tra la Terra e il pianeta Theia

“Aquila oscura”: il “sole nero” previsto da Talete 2600 anni fa