Crea sito
ISIS Senza categoria sfruttamento delle donne terrorismo islamico

La guerra dell’ISIS sul corpo delle donne

Yazidi 1
Di Sonia Grieco
Da quando l’Isis ha intrapreso la sua avanzata in Iraq e in Siria, la sorte delle donne, persino delle bambine, che hanno avuto la sciagura di incontrare i jihadisti è stata raccontata dai media di tutto il mondo. Abusate e vendute come schiave in veri e propri bazar, sono diventate l’immagine più atroce dell’oscurantismo del sedicente Stato Islamico, particolarmente spietato e vigliacco con le “infedeli”. google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “1767390444”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250;
Ma per i jihadisti, la tratta delle donne non è un affare vantaggioso soltanto dal punto di vista economico, ma anche propagandistico, considerato che la promessa di una vergine contribuisce ad attirare le centinaia di stranieriche sono diventati la spina dorsale delle milizie dell’autoproclamato califfato. Ed è parte integrante dell’affermazione di una visione del mondo che ormai tanti definiscono medioevale, in cui la donna è un oggetto e basta.
Una donna, infatti, può essere venduta anche al costo di un “pacchetto di sigarette”, o per centinaia o migliaia di dollari, ha detto Zainab Bangura, inviata speciale dell’Onu per la violenza sessuale nelle zone di guerra. “Questa guerra è combattuta sul corpo delle donne”, ha detto all’Afp, spiegando che al momento non si hanno cifre precise su quante siano cadute nelle mani dei jihadisti.
Di storie, però, ne sono state raccontate tante in questi ultimi 18 mesi, da donne e ragazze che sono riuscite a fuggire dai propri aguzzini. Adolescenti di 12-14 anni vendute a uomini adulti, donne bruciate vive perché si sono ribellate allo stupro, umiliazioni e sevizie: la schiavitù sessuale in tutte le sue forme. Alcune yazide, tra le più prese di mira dai jihadisti, hanno raccontato di essere state rinchiuse in cento in una casa, spogliate e lavate e, infine, messe in fila per essere “valutate” da un gruppo di miliziani, che ha attribuito loro il prezzo a cui poi sono state vendute.
Per le milizie di Abu Bakr al-Baghdadi, ogni territorio conquistato in Iraq e in Siria è un bacino di rifornimento di nuove donne che diventeranno concubine o schiave, o saranno destinate al business della prostituzione.
Per chi riesce a fuggire, oltre al trauma e alle conseguenze fisiche delle violenze, c’è il complicato rientro nella comunità e talvolta la stigmatizzazione. Quella yazida sta accogliendo le ragazze riuscite a scappare, ha detto Bangura, auspicando che altri seguano l’esempio del leader religioso Baba Sheikh che ha dichiarato pubblicamente che le donne che riescono a tornare devono essere comprese e sostenute. Ma non è sempre così.
E comunque la ferita della schiavitù è indelebile per una generazione di ragazze che ha bisogno di assistenza e sostegno. Intanto, in Iraq e in Siria infuria la battaglia e la questione delle donne catturate dall’Isis non è una priorità. Bangura porterà la questione delle donne al Consiglio di Sicurezza per appontare un intervento di assistenza a coloro che sono riuscite a fuggire. Questo, però, non fermerà i rapimenti dell’Isis.

Related posts

La Teoria del Tutto

informazione-consapevole

A Londra arrivano le multe per i senzatetto

Allerta rossa a Cagliari, il sindaco Zedda chiude tutte le scuole

informazione-consapevole