Crea sito
analisi Antimilitarismo Blackwater Compagnia delle Indie compagnie militari private eserciti Guerra in Iraq guerre Mercenari Militarismo opinioni

La guerra, business privato per mercenari

Di Ennio Remondino
C’è una lunga e consolidata tradizione storica nell’uso di mercenari per sostenere politiche di difesa e di sicurezza. Nel 1858, per esempio, la British East India Company ha usato un suo esercito privato di 200.000 uomini per imporre per imporre il suo controllo su vaste aree del sub-continente indiano. La differenza nell’uso storico di civili come forze militari attraverso l’imprenditoria della sicurezza (Pmsc la sigla in inglese delle Compagnie Private Militari e di Sicurezza) è oggi la misura in cui gli Stati affidane sempre di più in “outsourcing” (affidandole all’esterno) operazioni che una volta erano di competenza esclusiva delle tradizionali forze armate.
In effetti, l’esternalizzazione delle attività militari iniziato a crescere dopo la fine della Guerra Fredda. Le statistiche compilate dal Congressional Research Service suggeriscono che più di 5.000 civili americani sono stati uilizzati sul campo durante la Seconda Guerra del Golfo (1990-1991). Da allora, il numero di imprenditori privati impiegati a sostegno delle operazioni post-conflitto è aumentato drammaticamente. E’ stato calcolato, ad esempio, che nel 2009 ci sono stati 74 mila dipendenti civili operativi in Afghanistan, contro i 55 mila uomini in divisa. La privatizzazione della difesa e della sicurezza è diventato un business altamente lucrativo.<

br />Ad esempio, nel 2005 il Dipartimento di Stato, Difesa e Sicurezza Nazionale ufficialmente speso 390 miliardi dollari di servizi forniti da Pmsc. Il Centro per gli studi sulla sicurezza (Css) ha stimato che il valore dei contratti di logistica degli Stati Uniti nei prossimi dieci anni (2010-2020) potrebbe raggiungere i 150 miliardi di dollari. In realtà, tali cifre indicano che la difesa privata e l’industria della sicurezza è fiorente sullo sfondo di spese per la difesa in declino tra la maggior parte degli Stati occidentali. Tagli i bilanci ufficiali delle forze armate in divisa e spendi, nell’emergenza, cifre enormi per consistenti eserciti privati che puoi eventualmente disconoscere.
Esempio clamoroso e tragico, l’incidente nel 2007, quando i contraenti di Blackwater Usa hanno aperto il fuoco sui civili a Baghdad, uccidendo 17 iracheni. Fu allora affermato che il convoglio e cui facevano da scorta era finito sotto attacco. Affermazione poi smentita da una inchiesta del governo iracheno. Incidenti di questo tipo non solo hanno portato a criticare apertamente l’uso di personale civile per supportare le operazioni militari, ma hanno anche fatto emergere dubbi sulla trasparenza e la responsabilità degli stessi mercenari. Dubbi economici sui costi-efficacia, ma soprattutto sulla correttezza etica del loro utilizzo. Si discute e si arruola.

Fonte:http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=32662&typeb=0&La-guerra-business-privato-per-mercenari

Related posts

Quirra. La NATO pone il segreto, la Regione paralizza l’inchiesta

informazione-consapevole

I costi delle guerre imperialiste USA e i suoi beneficiari

Intellettuali e Potere

informazione-consapevole