Crea sito
analisi Esoterismo manipolazione dell'informazione Mass Media psicologia Renè Guenon Senza categoria Società TV

La fabbrica della manipolazione

Di Enrica Perucchietti *

Quando le persone si imbattono nell’espressione “manipolazione di massa”, la prima immagine che in genere viene loro in mente è quella di una TV (o in generale di un mass media) che veicola idee, suggestioni e contenuti nei cervelli dei suoi fruitori. Questa immagine è parzialmente giusta, perché se “nell’immediato” sono soprattutto i mass media a veicolare direttamente determinati contenuti a livello di massa, tuttavia la fase del “bombardamento massmediatico” è molto spesso l’ultimo anello di una catena invisibile, dietro la quale si nasconde quella che potremmo definire “la filiera” o “fabbrica” della manipolazione; in effetti i mass media, in ultima analisi, non fanno altro che far rimbalzare nell’etere (e nelle menti degli individui) idee e contenuti, che hanno già alle spalle una loro fase di elaborazione; cioè, per dirla con le parole dello studioso americano Ben Shapiro, «la televisione riflette quelli che la creano e trasforma tutti gli altri». Il primo e decisivo passaggio della manipolazione di massa, infatti, avviene in realtà manipolando i manipolatori; ovvero, secondo un certo tipo di linguaggio, “creando le élite” destinate a loro volta a diffondere un certo tipo di messaggi. Stiamo parlando di quei personaggi definiti nel mondo anglosassone bright & best, i “migliori e più brillanti” – artisti, scrittori, musicisti, star, opinion makers e persino studiosi e scienziati – i quali, per interesse o per personale convinzione, inducono con la loro opera uno “stato d’animo” nelle masse. Ma cos’è, esattamente, uno stato d’animo? L’espressione risale all’esoterista francese René Guénon, straordinario studioso delle grandi tradizioni spirituali dell’umanità, edotto anche, per esperienza e conoscenza personale, sul labirintico e occulto mondo dei “fabbricanti di opinioni”. Con état d’esprit, lo studioso francese indicava un “clima” culturale e spirituale fabbricabile dalle élites, attraverso influssi da utilizzare allo scopo di creare una certa “tendenza” nelle masse. Uno “stato d’animo” lo si può generare, ad esempio, attraverso la diffusione di una cultura orientata, di spettacoli, momenti d’aggregazione, letteratura o mode; tuttavia, secondo Guénon, i creatori di “stati d’animo” ottengono risultati davvero efficaci soprattutto nella misura in cui prescindono da qualsivoglia scrupolo di tipo “etico” e considerano ogni “influsso” veicolato verso le masse solo in un’ottica strumentale. Un vero creatore di états d’esprit, infatti, sa anche che una menzogna da lui stesso riconosciuta come tale può essere utile e lecita, se serve a un certo scopo, ritenendo come principio che solo “una certa élite” possa conoscere le vere finalità verso cui indirizzare i più. Scriveva Guènon: «È noto l’adagio Vulgus vult decipi , che alcuni commentano: “Ergo decipiatur!”. […] Si può così tenere per sé la verità e diffondere nello stesso tempo errori che si sanno essere tali, ma che si ritengono opportuni»2 . Al tempo stesso, un vero “manipolatore occulto” non si lascerà trascinare nel gioco degli “apparenti opposti”, né in campo politico né in campo culturale, ma saprà utilizzare e persino incoraggiare tendenze apparentemente divergenti per i suoi scopi. Destra e sinistra, progresso e conservazione, e tutti gli altri “dualismi” a cui i “profani” sono abituati avranno, in sostanza, un valore relativo nelle vere stanze del potere. Non solo: il potere, se è davvero tale, potrà persino permettersi il lusso di tollerare o addirittura di generare una “pseudo-opposizione”, da usare come “specchio per le allodole” verso cui dirottare ogni possibile dissenso.

* Enrica Perucchietti, Gianluca Marletta –La Fabbrica della Manipolazione ( Arianna Editrice , 2014 ) 

Related posts

商 – “Commercio”: la Cina soffia agli USA il primato commerciale mondiale

informazione-consapevole

La legge sulla marijuana in Uruguay e gli “intrecci” tra Mujica, Soros,Monsanto e Rockfeller

‘HALLOWEEN NELL’ANTICA ROMA’, LE FESTE DEDICATE A POMONA E PARENTALIA

informazione-consapevole