Crea sito
Banche Cipro Commisione UE Economia Europa finanza opinioni politica Senza categoria UE

La Commissione Europea Senza Nome Che Ha Proposto i $13 Miliardi alle Banche di Cipro

Di Gary North

Questa sera l’Eurogruppo ha tenuto una teleconferenza per fare il punto della situazione su Cipro.

L’istituzione decisionale dell’eurozona sull’euro è una commissione informale composta da ministri delle finanze; non ha un nome ufficiale, non ha alcun potere ufficiale e non è eletta.

Nel Trattato di Lisbona, entrato in vigore il primo Gennaio 2009, questa commissione informale senza nome ha infine ottenuto il suo status giuridico.

Articolo 1: I Ministri degli Stati Membri la cui moneta è l’euro debbono riunirsi a titolo informale. Tali riunioni debbono aver luogo, qualora necessario, per discutere di questioni attinenti alle responsabilità specifiche che condividono con la moneta unica. A tali riunioni della Commissione è invitata anche la Banca Centrale Europea. Le riunioni saranno preparate dai rappresentanti dei Ministri delle finanze degli Stati Membri e dai rappresentanti della Commissione.

Articolo 2: I Ministri degli Stati Membri la cui moneta è l’euro eleggono a maggioranza un presidente per due anni e mezzo.

http://en.wikipedia.org/wiki/Euro_Group

Quindi, si incontrano informalmente. Discutono di questioni varie. La Commissione si riunisce. (Come? Con quale autorità? Con quanti voti?) La BCE è invitata. Non ha facoltà di voto.

Il presidente della commissione senza nome è un tizio dal nome impronunciabile (a meno che non siate olandesi), Jeroen Dijsselbloem. (https://it.wikipedia.org/wiki/Jeroen_Dijsselbloem)

Ma questa Commissione senza nome ha promesso alle banche di Cipro $13 miliardi, con la propria autorità e senza alcun riferimento ad un qualsiasi parlamento europeo, compreso quello dell’Unione Europea.

Questa si chiama democrazia in Europa. In Europa, la democrazia significa: “Poveri fessi.

Il piano di salvataggio richiesto al governo di Cipro imponeva una tassa patrimoniale su tutti i conti bancari.

E’ stato annunciato Lunedi dal neo-eletto Presidente di Cipro. Gli elettori sono rimasti sgomenti perché il Presidente aveva giurato al popolo, nel suo discorso inaugurale del 28 Febbraio, che non avrebbe mai e poi mai approvato una cosa del genere.

Traduzione: “Poveri fessi.”

Il Parlamento di Cipro ha gettato una chiave inglese negli ingranaggi: si è rifiutato di imporre la tassa. E’ questa cos’è? Democrazia, quella reale.

Il presidente della commissione informale senza nome, che è informalmente chiamata “Eurogruppo,” ha rilasciato una dichiarazione. Non è firmata. (Nessuno può pronunciarla, quindi chi se ne frega?) E’ rimasta sbalordita da questo tradimento del parlamento di Cipro. Era un accordo segreto, e gli accordi segreti dovrebbero essere accettati dai Parlamenti. Questi ultimi dovrebbero assomigliare a dei timbri. Chi si credono di essere questi semplici tirapiedi?

Riporto testualmente questa dichiarazione dal sito web del cosiddetto Eurogruppo con annessa traduzione.

Ricordo che l’accordo politico raggiunto il 16 Marzo sugli elementi fondamentali del programma di adeguamento e finanziamento di Cipro, rispecchia il consenso raggiunto dal governo cipriota con l’Eurogruppo.


Poiché l’incontro si è tenuto in segreto, non c’erano note ufficiali. Dovrete fidarvi della mia memoria. Il gruppo si è riunito con qualcuno — non ricordo chi — che ha detto di rappresentare il governo di Cipro.

L’attuazione delle misure di riforma contenute nella bozza del programma è la migliore garanzia per un futuro più prospero per Cipro ed i suoi cittadini, una redditività del settore finanziario, un risanamento delle finanze pubbliche ed una crescita economica sostenibile.


Il parlamento di Cipro dovrebbe avallare questo affare. Va a vantaggio dei cittadini di Cipro. Non date ascolto a quelle folle di fronte al Parlamento che gridano “no!”

Ribadisco che il prelievo sui depositi è una misura una tantum.


Nessun corpo dell’Eurozona al di fuori del gruppo senza nome e senza alcun potere ufficiale ha approvato nulla di tutto ciò. Non è mai successo prima e non succederà di nuovo. Fidatevi di me.

Questa misura — insieme al sostegno finanziario internazionale — verrà utilizzata per ripristinare la redditività del sistema bancario cipriota e, di conseguenza, salvaguardare la stabilità finanziaria di Cipro. In assenza di tale misura, Cipro dovrebbe affrontare scenari che farebbero peggiorare la situazione dei suoi depositanti bancari.


Nessuno al potere ha detto agli elettori di Cipro che il suo sistema bancario era vicino al collasso. Ve lo sto dicendo io, ora che anche qualcuno che rappresenta il governo di Cipro ha accettato tale situazione.

L’Eurogruppo continua ad essere del parere che i piccoli depositanti devono essere trattati in modo diverso dai grandi depositanti e ribadisce l’importanza di una piena garanzia dei depositi al di sotto dei €100.000. Le autorità cipriote introdurranno una maggiore progressività del prelievo una tantum rispetto a quanto concordato il 16 Marzo, a condizione che continuino a perseguire la riduzione mirata prevista dal programma di finanziamento e, di conseguenza, non compromettano i contributi finanziari per €10 miliardi.


Le autorità cipriote dovranno farlo perché lo diciamo noi. Finora hanno collaborato rubando i soldi della gente durante il fine settimana, in preparazione per la rapina di Lunedì.

L’Eurogruppo prende atto della decisione delle autorità cipriote di istituire una “bank holiday” temporanea il 19-20 Marzo 2013 per salvaguardare la stabilità del settore finanziario, e sollecita una rapida decisione da parte delle autorità cipriote e del parlamento affinché attuino rapidamente le misure concordate.


La nostra commissione senza nome parla a nome di tutti i paesi membri della zona euro.

Gli Stati Membri della zona euro sono pronti ad assistere Cipro negli sforzi di riforma sulla base del programma di aggiustamento concordato.


Gli elettori che sborseranno i soldi per salvare le banche di Cipro sono la garanzia dietro questo accordo. Fidatevi di me.

Il comunicato stampa si è concluso in questo modo:


Questo è il fondamento di una crisi senza fine della zona euro. E’ la solita minestra.

Lasciate che vi traduca quello che ha detto l’innominabile presidente della commissione senza nome quando ha promesso i soldi per salvare le banche di Cipro: “Non c’è nessun problema qui. Non c’è niente da vedere. Circolare.”

Fonte:http://www.garynorth.com/public/10794.cfm

Traduzione di Francesco Simoncelli

http://johnnycloaca.blogspot.it/2013/03/la-commissione-europea-senza-nome-che.html

Related posts

Consigliera del Pd investita a Pavia: preso il pirata della strada, faceva parte di una banda “internazionale” di ladri

BURKINI, IMAM POSTA SU FACEBOOK FOTO DI SUORE AL MARE MA GLI VIENE SOSPESO L’ACCOUNT

Libia: ecco cosa diceva chi ha voluto la guerra che aprì la strada ai barconi