Crea sito
Banche Economia Europa finanza Fondo Monetario Internazionale Islanda mutui Nord Europa Senza categoria Sigmind Gunnlaugsson

Islanda : cancellati 24 mila euro dai mutui per la casa. A pagare saranno le banche…

Islanda: cancellati 24mila euro dai mutui per la casa, pagheranno le banche.

Di Susanna Picone


L’Islanda cancellerà a 100mila dei suoi cittadini, cioè un terzo della popolazione, 24mila euro dal mutuo per la casa. Un bel regalo per gli islandesi che era stato promesso durante la campagna elettorale. Era stato il Progressive Party, capofila della coalizione di centro-destra, ad aver fatto questa promessa che ora si appresta a mantenere. È stato infatti introdotto un piano per la riduzione dei mutui legati all’inflazione di circa 900milioni di euro (150 miliardi di corone). Si tratta di un rimborso interpretato come un risarcimento dopo che la svalutazione della corona aveva fatto alzare i prezzi e le rate dei mutui. A pagare dunque non saranno i contribuenti ma la finanza. Ma se questo regalo non può che far festeggiare i cittadini in Islanda non è stato allo stesso tempo ben visto sia dal Fondo Monetario Internazionale che da Standard & Poor’s. S&P e il Fmi infuriati -Secondo l’istituto di Washington la ripresa economica nell’isola è ancora debole e non è possibile regalare nulla ai contribuenti, mentre l’agenzia di rating ha minacciato di abbassare il giudizio del Paese. Ma nonostante ciò il Primo Ministro Sigmind Gunnlaugsson non sembra preoccuparsi: ha affermato, infatti, che è iniziato il vero rinascimento economico dell’isola, dopo il default del 2008. Secondo lui l’impatto sui conti nel prossimo triennio sarà minimo. Oltre ad alleggerire i mutui dei cittadini il Governo ha anche varato un piano che prevede agevolazioni fiscali per incoraggiare gli islandesi ad utilizzare i loro fondi pensionistici per azzerare il debito



Related posts

Il misterioso popolo dei Cagots, i “paria” europei del Medioevo

informazione-consapevole

In un nuovo video dell’Isis,l’ex rapper Deso Dogg minaccia attacchi terroristici contro la Germania

La nuova Libia:protettorato petrolifero dell’Occidente industriale

informazione-consapevole

1 comment

Marco Lince Dicembre 5, 2013 at 5:58 pm

Che dire? Vorrei ma non posso……. Caspita.. Non posso!!!!!

Comments are closed.