Crea sito
ISIS news profughi terrorismo islamico

Isis: una donna lapidata, due uomini giustiziati e un avvertimento ai profughi




Di Giulia Vola
Una donna lapidata perché accusata di adulterio, un uomo buttato giù da un palazzo perché colpevole di essere omosessuale, un altro ucciso da un plotone di esecuzione in piazza perché infedele a sua moglie. Eccoli, gli ultimi orrori dell’Isis in Siria, nella provincia di Dayr az-Zor, denunciati su Twitter dagli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani. Esecuzioni pubbliche, per dimostrare alla folla che cosa succede a chi si permette comportamenti giudicati anti-islamici.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});


Per dimostrare, invece, che cosa succede a chi cerca la fuga in Occidente, il Califfato ha dedicato un articolo dal titolo “Il pericolo di abbandonare la Dar ul-Islam” (la Casa dell’Islam) pubblicato sulla rivista online Dabiq in cui, riprendendo la foto del piccolo Aylan morto sulla spiaggia di Bodrum insieme a suo fratello Galib e la loro mamma Rihana, avvertono gli aspiranti profughi che scappando compiono “un grave e pericoloso peccato” e mettono un'”ipoteca” sulle vite e le anime dei loro figli.    

Purtroppo – scrivono -, alcuni siriani e libici sono disposti a rischiare la vita e le anime di chi hanno la responsabilità di crescere secondo la sharia – i loro figli – sacrificando molti di loro durante il pericoloso viaggio verso le terre dei crociati governate dalle leggi dell’ateismo e dell’indecenza“. Tanto più che, proseguono, nelle terre dell’Occidente i rifugiati e i loro familiari sono sotto la costante minaccia di “fornicazione, sodomia, droga e alcol“. Lasciare il Califfato – si sottolinea – apre “una porta all’abbandono dell’Islam da parte dei nostri figli e nipoti per il cristianesimo, l’ateismo o il liberalismo“.

Insomma, mentre il primo ministro ungherese Viktor Orban è certo che una tale ondata di profughi da Siria e Iraq “minaccia le radici cristiane” del continente europeo, secondo l’Is, sono i rifugiati musulmani che potrebbero subire un processo di deislamizzazione. “Se non cadono nel peccato, dimenticheranno la lingua del Corano – conclude l’articolo – rendendo il ritorno alla religione e ai suoi insegnamenti più difficile“.

FONTE:http://magazinedelledonne.it/news/content/2006240-isis-una-donna-lapidata-due-uomini-giustiziati-e-un-avvertimento-ai-profughi

Related posts

Perché Mr. Robot ha vinto ai Golden Globes

informazione-consapevole

Londra:Bahar Mustafa, responsabile della sezione equità della Goldsmith University su Twitter scrive (povoatoriamente ) che bisogna uccidere tutti i bianchi maschi, ma dice che non è e non può essere razzista, perché non è bianca

Cagliari:corso di formazione di volontari per colonie feline a partire da giugno