Crea sito
ISIS news Senza categoria Siddhartha Dhar terrorismo islamico

Isis, identificato il “nuovo Jihadi John”: sarebbe un’ex commerciante arrestato nel 2014

Di Susanna Picone
Il boia dell’Isis che minaccia la Gran Bretagna nell’ultimo video diffuso dal gruppo jihadista avrebbe un nome. Secondo la Bbc il “nuovo Jihadi John” potrebbe essere un ex commerciante di Londra, Siddhartha Dhar, 32 anni di origini indiane. Dhar, che da adulto si è convertito dall’induismo all’islam, riuscì ad andare in Siria con la famiglia nel 2014 dopo essere stato arrestato nel Regno Unito a settembre con l’accusa di istigazione al terrorismo e rimesso in libertà su cauzione.
Dhar è tutt’altro che ignoto alle cronache britanniche a differenza di Mohammed Emwazi, il giovane londinese noto come Jihadi John e poi presumibilmente ucciso in un raid. L’uomo si era fatto conoscere da tempo a Londra col nome di Abu Rumaysah fra gli attivisti di un gruppo radicale denominato al-Muhajiroun. Padre di 4 figli e residente a Walthamstow, Dhar era quasi diventato un personaggio pubblico avendo partecipato a viso aperto a raduni di militanti musulmani e avendo rifiutato di condannare l’Isis. Poi l’arresto nel 2014 per istigazione al terrorismo. Scarcerato dietro il pagamento di una cauzione era riuscito a sfuggire alla sorveglianza della polizia britannica e a espatriare.
Riconosciuto anche il bambino del video – Secondo la Bbc, dalla Siria è ricomparso mascherato nel video di questi giorni nel quale minaccia la Gran Bretagna e definisce il primo ministro David Cameron “un imbecille”. La sorella di Dahr, che vive a Londra, ha ammesso che la voce dell’uomo nel video suona come quella del fratello, ma il fisico non la convince. Anche il bambino che compare nel video avrebbe un nome: dovrebbe essere Isa Dare, figlio dell’estremista Grace Dare, che si fa chiamare Khadijah, una donna britannico-nigeriana convertita all’islam che andò in Siria nel 2013. Il bambino è stato riconosciuto dal nonno.

Related posts

La critica alla tesi di Jung “profeta ariano”

informazione-consapevole

La sconosciuta e triste storia di Giuseppina Ghersi, la 13enne uccisa ala fine della II guerra mondiale perché accusata ingiustamente di collaborazionismo

Una società informata è una società più coinvolta