Crea sito
analisi geopolitica Iran Iraq ISIS Islam milizie sciite neocons PNAC Russia Senza categoria Siria

Iraq: il grande successo delle milizie sciite contro l’ISIS, che sembra non far felici troppo gli USA

Neighbourhoods riven by past sectarian bloodshed on edge as Shia militias mount shows of force

Di Salvatore Santoru

Ufficialmente sono gli USA e la cosiddetta “Coalizione anti-ISIS” i maggiori nemici del gruppo terroristico, ma a quanto risulta chi sino ad ora li ha combattuti più di tutti sono stati i curdi(foto), e in Iraq le milizie sciite.

Risultati immagini per curdi ISIS

Proprio il grande successo di queste ultime sembra sta un pò preoccupando gli USA, tanto che secondo il membro dell’influente think tank “Washington Institute for Near East Policy” Michael Knights, “c’è il rischio reale che gli Stati Uniti sconfiggano lo Stato islamico, ma perdano l’Iraq a favore dell’Iran”.

Risultati immagini per iraq iran USA

Ciò che preoccupa è evidentemente la vicinanza di tali milizie sciite all’Iran, considerato uno dei nemici principali da parte dell’ISIS, ma anche da parte degli States.

Difatti, non bisogna dimenticare che la questione irachena rifletta come non mai uno scontro interno al mondo islamico mediorientale, tra fazioni legate all’Islam sciita, guidate dall’Iran, e quelle legate all’integralismo sunnita, guidate dai regimi del Golfo e dalla stessa ISIS.

Stampa

Non a caso, l’ISIS ha iniziato la sua avanzata proprio nella Siria (paese alleato dell’Iran, anche se laico ), e ha preso il potere in Iraq “abbattendo” il governo sciita e filo-iraniano di Nuri Al Maliki(nella foto con l’attuale premier iraniano Hassan Rouhani ), che non casualmente ha denunciato lo “zampino” di Arabia Saudita e Qatar dietro l’ascesa del gruppo terroristico.


In tale questione, gli States hanno scelto di sostenere, magari inconsapevolmente magari no, proprio l’ala dell’integralismo sunnita, dagli alleati commerciali sauditi sino alle formazioni islamiste coinvolte nella “rivoluzione” in Siria, e tra le quali vi era anche l’ISIS, oltre ad Al Qaeda ( presente con la sua “filiale locale” Al Nusra ).

Risultati immagini per ARABIA SAUDITA ISIS USA

Il “paradosso” vuole che, per riuscire a combattere realmente l’ISIS, gli USA dovrebbero moderare le avversità verso l’Iran, la Siria di Assad e anche la Russia (essendo maggior alleato della Siria e partner commerciale dell’Iran), ma ovviamente ciò è ben difficile che si possa fare.

Risultati immagini per russia syria USA

Difatti, bisogna contare il fatto che verso Siria e Iran era stata già programmata la guerra nel famigerato documento “Rebuilding America’s Defenses” (foto), il rapporto stilato dal think tank PNAC dei famigerati “neocons” (molto forti con Bush, e abbastanza influenti anche con Obama) nel 2001, dove tra l’altro erano anche pianificate le guerre verso l’Iraq, l’Afghanistan e la Libia, ma che ha subito un considerevole rallentamento, se non uno stop tout court, sulla Siria grazie al veto di Russia e Cina  (foto) che ha evitato l’intervento militare, che “naturalmente” avrebbe trasformato il paese in una colonia del fondamentalismo islamista, proprio come è successo per la Libia.

Related posts

La questione nazionale ai tempi del populismo

informazione-consapevole

BANGLADESH,l’analista Giovanni Giacalone: “Svolta laica del governo crea terreno fertile per propaganda Isis”

Shab-e Yalda:il solstizio d’inverno in Iran

informazione-consapevole

3 comments

Ermelinda Mangiavini aprile 27, 2015 at 2:53 pm

Se un politico produce disastri – ( che paghi lui non i cittadini che non hanno votato e che sono ammalati per causa dei politici – parlo dell uniine europea) Chi accetta gli sbarchi senza vaccinazioni e ocumenti e lavoro in nero e anche porttori di malattie ?) ogni bomba o missili o razzo o raid non solo i danni e i morti ma anche alle conseguenze – ( pregate ? Si prega senza solfi per del bene – Non si prega per il male – quello sta' in abbondanza – come mai abbiamo il vaticano in italia e subiamo tutto il mondo – anche oer religioni diverse hanno il diritto di lregare senza tanti decori di milioni appesi al muro oggetti ecc – Se li mantengano i loro devoti – I terremoti le alluvioni i disastri e il mais sottocosto gli sbarchi ecc il mondo grande L italia e' piccola – ( i politici stipendisti sono tanti i mantenuti del vaticano dono tantissimi – ) chi evade? il mal di denti vannoin frmacia e dopo il dentista ecc – (costa) il pane al panettiere si paga – ( io non ho mai uccido e mai rubato e mai usurato) piuttosto digiuno o vado lontano per non litigare – Distinti saluti Ermelinda

Anonimo gennaio 27, 2017 at 12:25 am

CHIEDO AL GOVERNO IRAQ DI ESSERE CONTATTATA URGENTEMENTE ANCHE PER UNA FOTOGRAFIA CHE AVETE NEL GOVERNO IRAQ DEL MIO PAPA'Principe reale e nobile che hannno ucciso ERMELINDA MANGIAVINI REALE E NOBILE Brandico Brescia italia ue

Anonimo gennaio 28, 2017 at 12:28 pm

Avete il porto di fucile o arma in fotografia avete armi La legge Reato uccidere iraq potete invadere le industrie miliardarie finanziate dalle banche e fatele fallire e tenetevi i soldi voi con le sue macchine industrie e case sono dei delinquenti chi produce e vende armi da guerra dite che si guardino in casa loro in vaticano e politici dei partiti tesserarti in nero ISIS di farli fallire le industrie dei raid cacciabombardieri della nato militare e raid missili razzi armi da guerraERMELINDA Mangiavini reale e nobile Brandico Brescia italia ue

Comments are closed.