Crea sito
automobili Diritti civili diritti digitali Diritti umani Europa germania giustizia internet Italia Karlsruhe Senza categoria Tecnologia web

“Internet è un diritto, perderne l’uso è come perdere l’uso della propria auto”

Di Anna Masera
http://www.lastampa.it

La sentenza in Germania: a quando in Italia?
Anche la Germania ha decretato che i consumatori hanno il diritto a essere risarciti quando la loro connessione Internet viene interrotta.

Un giudice della corte di giustizia federale tedesca di Karlsruhe ha sentenziato ieri che Internet è una parte essenziale della vita.

La sentenza è arrivata in risposta a un cittadino che ha fatto causa al suo fornitore Internet perchè la sua connessione è stata interrotta per due mesi tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009.

Secondo il giudice, il valore di Internet è come quello di un’auto: “Internet ha un ruolo molto importante oggi e influisce sulla vita privata di un individuo in maniera decisiva, perderne l’uso è paragonabile alla perdita dell’uso della propria auto”.

Verdetti simili sono già state emesse da tribunali in Francia (nel 2009 l’accesso a Internet è stato decretato “un diritto umano”, bocciando la controversa legge anti-pirateria “Hadopi” che toglieva la connessione a chi scaricava contenuti protetti da copyright) e in Finlandia (subito dopo, quando il ministero dei trasporti e delle telecomunicazioni ha annunciato il piano di fornire a tutti i cittadini 100Mb di connessione a banda larga entro il 2015, perchè “un diritto legale”): adesso ci è arrivata la Germania.

A quando l’Italia?

La notizia riportata da The Verge

Fonte:http://www.lastampa.it/2013/01/25/blogs/web-notes/internet-e-un-diritto-perderne-l-uso-e-come-perdere-l-uso-della-propria-auto-ylwGPiAeLSnPsFXnujKSsN/pagina.html

Related posts

USA, TESTA A TESTA TRA TRUMP E CLINTON SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO DELL’ABC/WASHINGTON POST

informazione-consapevole

La scrittrice Antonia Arslan:“Racconto la forza delle donne armene per non dimenticare la diaspora”

La storia di Peppino Impastato, per non dimenticare