Crea sito
Afghanistan Guerra in Afghanistan NATO Senza categoria

In Afghanistan la missione NATO è finita ma (quasi) tutto resta come prima

Con la fine del 2014 è formalmente scaduto il mandato della missione Nato e l’idea che tanti hanno è che i militari ivi impegnati sarebbero tornati a casa. In realtà, leggendo con attenzione le decisioni prese, si sa che così non è. Il ritiro delle truppe avverrà gradualmente e, pur se si parla della fine 2016, non c’è alcuna certezza su quando l’ultimo soldato straniero lascerà il territorio afgano.
Nonostante le retoriche dichiarazioni ufficiali in occasione della formale chiusura della missione abbiano enfatizzato i successi ottenuti e plaudito alla raggiunta autosufficienza del Governo e delle forze militari e di polizia locale, tutti sappiamo che le cose non stanno per nulla in quei termini. Infatti, è esattamente quello il motivo per cui più di 12.000 soldati stranieri rimarranno ancora sul posto.
Se guardiamo con obiettività ai risultati della missione ISEF, siamo costretti ad ammettere che siamo molto lontani dal raggiungimento degli obiettivi programmati. Il governo talebano è stato indubbiamente sconfitto e alcune elezioni sufficientemente libere si sono tenute nel Paese ma dire che la situazione si sia stabilizzata e che la pace sia stata instaurata non corrisponde certo alla verità.
Il Paese è ancora preda di cruente lotte fra tribù, etnie e potentati locali. L’economia è solo sembrata risollevarsi ma, con assoluta evidenza, i soldi che sono girati erano legati soprattutto ai servizi destinati ai militari dell’ISAF. L a riduzione del numero di costoro ha, infatti, già portato a un crollo del volume di denaro circolante. La produzione di oppio (d’altronde, paradossalmente, giudicata un obiettivo non prioritario dalla missione internazionale) continua a essere la base di molta economia locale ed è destinata ad aumentare. Le numerose materie prime del sottosuolo, anche a causa della continuazione dei conflitti, non sono per niente sfruttate. Qualcuno vanta che dal 2001 a oggi il PIL locale sia quintuplicato ma, a parte l’influenza delle truppe straniere, è sotto gli occhi di tutti che almeno un terzo della popolazione ha condizioni di vita sotto al limite di sopravvivenza e perfino sotto i livelli di prima dell’intervento. Non solo, moltissimi dei soldi arrivati sono finiti nella corruzione e i pochi ricchi ne hanno approfittato per trasferire in sicure banche estere gran parte delle illecite somme accumulate.
Nonostante gli Stati Uniti abbiano speso in Afganistan 700 miliardi di dollari, la Banca Mondiale ha stimato che solo un massimo del 25% (ma qualcuno parla del 15%) del denaro arrivato a Kabul sia finito virtuosamente, in qualche modo, nel circolo dell’economia locale. E’ vero che sono stati costruiti qualche ospedale, qualche scuola, qualche nuova via di comunicazione, ma è pure vero che, nonostante rari e virtuosi esempi, la condizione di vita delle donne, dei bambini, e la praticabilità di una morale non fanatica stanno lentamente ritornando a essere quella del periodo talebano.
A tutto quanto sopra va aggiunto il grande rischio che, con la diminuzione dell’impegno internazionale e il minore presidio militare del territorio, possa capitare qualcosa di simile a ciò che successe a Kabul dopo il ritiro delle truppe sovietiche: un Governo locale debolissimo e ben presto moribondo, succube o soppiantato dai signori della guerra tornati a spadroneggiare.
Quali conclusioni trarne? Probabilmente l’intervento andava comunque fatto ma, mancando la capacità di lettura culturale e storica delle peculiarità locali, si corre il rischio di aver costruito una costosissima, in vite umane e in denaro, parentesi. Per poi far ritornare tutto peggio di prima. Qualcuno starà pensando alla Libia?

Related posts

Alì dagli occhi azzurri:la “profetica” poesia di Pasolini sull’emergenza migranti

informazione-consapevole

Il Jobs Act approvato al Senato. Ecco cosa prevede il provvedimento

informazione-consapevole

Agenzia russa Interfax: Fonte Ue non esclude nuove sanzioni alla Russia per i raid in Siria

informazione-consapevole