Crea sito
Islam islamismo Occidente riflessioni Senza categoria

Il terrorismo “islamico” non esiste, così come non esiste l’imperialismo “occidentale”, ma solo interpretazioni distorte e violente delle religioni, delle ideologie politiche, delle culture e dei valori dei popoli



Di Salvatore Santoru

Ultimamente, il deputato grillino Manlio Di Stefano ha affermato riferendosi all’ISIS che non esiste il “terrorismo islamico”, e tali dichiarazioni sono state aspramente criticate dal quotidiano “il Giornale”. google_ad_client = “ca-pub-1420052409712884”; google_ad_slot = “1767390444”; google_ad_width = 300; google_ad_height = 250;

http://www.ilgiornale.it/news/politica/isis-grillino-stefano-terrorismo-islamico-non-esiste-1146133.html

Al di là della diatriba, bisogna riconoscere che, seppur utilizzate in modo comunque ideologico e parziale, le affermazioni di Di Stefano sono in sostanza giuste, in quanto non esiste il “terrorismo islamico” e/o arabo di per sé ma esistono delle forme di violenza, criminalità e terrorismo che in maniera diversa strumentalizzano questa o quell’altra religione piuttosto che idee politiche o di altro tipo, per i propri interessi di sopraffazione.
Spiegando in modo elementare questo semplice concetto, è ovvio che non esiste il “terrorismo islamico” in quanto gli islamici e/o gli arabi (concetto che non è esatto, ma solitamente viene usato per identificazione generale come quello tra occidentale e cristiano) non sono certamente propensi alla violenza o all’odio di per sé, ma esistono delle frange che potremmo chiamare “islamiste” che sfruttano determinate credenze islamiche o diffuse nel mondo arabo per scopi politici o di altro tipo, spesso in modo conflittuale con altre frange dell’Islam, si pensi all’ISIS o ad Al Qaeda che perseguitano e vogliono sterminare gli islamici sciiti e in generale i seguaci dell’Islam più moderati e non conformi alla loro visione dell’Islam, così come storicamente era ad esempio per certi tipi di cristiani non conformi all’ortodossia del tempo  durante le persecuzioni fatte da parte di frange fondamentaliste durante il Medioevo e l’Inquisizione.

D’altro canto, non esiste di per sé neanche una cosa nota come l’imperialismo dell’ideologia occidentale che come  il colonialismo fatto dagli europei, ma sono esistite ( ed esistono) delle volontà di potenza guerrafondaie o di altro tipo fatte da alcuni individui nel nome strumentale dell’ideologia occidentale o dell’Europa, ma non certamente dovute agli individui europei e/o agli occidentali di per sé, così come il dominio delle dinastie cinesi e giapponesi non è stato dovuto agli asiatici in sé.

Semmai, sono esistiti ed esistono gruppi di potere che hanno strumentalizzato alcune credenze egemoni nei paesi europei e/o occidentali per i propri interessi, come è stato in passato per il cristianesimo o oggi, in occasione delle “guerre umanitarie”, della laicità, della democrazia o dei diritti umani e civili, spesso andando in contrasto contro la volontà della maggioranza dei cittadini europei e/o occidentali.

Difatti, è alquanto assurdo parlare di “responsabilità” e di “senso di colpa” collettivo per le azioni del terrorismo e del fondamentalismo islamista degli islamici, come fanno gli islamofobi, o di “senso di colpa” e responsabilità collettivi per colonialismo e imperialismo occidentalista per gli occidentali e europei, come fanno gli antioccidentali e gli eurofobi, come sarebbe assurdo parlare di sensi di colpa e responsabilità collettivi per gli asiatici a causa di Gengis Khan o degli africani a causa delle scorribande dei Mori, in quanto un conto sono gli individui e le loro credenze, un’altro canto la strumentalizzazione di esse fatte da determinati individui e gruppi di persone per i loro scopi, e tale semplice e banale discorso sarebbe ora che venisse compreso per capiure meglio i problemi del mondo, invece delle solite divisioni islamofili/islamofobi piuttosto che occidentalisti/antioccidentali.

Related posts

Sabrina Ferilli difende Ignazio Marino: “Il Papa non doveva permettersi di attaccarlo”

informazione-consapevole

Il web si mobilita per Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano rapito il 19 gennaio scorso

informazione-consapevole

Il mistero dei Nāga, le divinità metà umane metà serpenti adorate nell’India e di altri paesi dell’Asia