Crea sito
ISIS Ramzan Kadyrov Russia Senza categoria terrorismo islamico

Il premier ceceno Ramzan Kadyrov: “l’ISIS creato per colpire la Russia”

Ramzan Kadyrov, leader ceceno, ha dichiarato che lo Stato Islamico è stato creato per colpire  la Russia.

Ramzan Kadyrov, http://www.rferl.org
Questa dichiarazione è’ stata fatta dal leader ceceno a Grozny in occasione di una sua conferenza stampa.
“Se pensiamo che la situazione in Siria si risolverà’ rapidamente e non pregiudicherà’ la sicurezza del nostro paese, ci stiamo del tutto sbagliando. Senza dubbio questo si infiltrera’ anche nel nostro paese”, ha avvisato Kadyrov alla Ria Novosti.


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

“Se il presidente della Russia prenderà’ una decisione per un intervento di terra in Siria, io sarò’ favorevole ad una nostra partecipazione. Questo permettera’ di mettere fine a questo orrore e milioni di persone potranno tornare alle loro case e riprendere una vita civile nella loro terra natale”.
Questo ha detto Kadyrov nella sua conferenza tenutasi a Grozny, capitale della Cecenia.
Secondo Kadyrov le forze aerospaziali russe stanno operando con efficacia e stanno ottenendo buoni risultati che hanno permesso all’Esercito siriano di attuare una offensiva su larga scala che ha portato alla riconquista di molti territori occupati dai terroristi dello Stato Islamico. L’operazione delle forze russe ha avuto quindi un pieno successo .
Dall’inizio del l’offensiva le forze russe hanno condotto 600 attacchi ed hanno colpito 380 obiettivi dell’ISIS e degli altri gruppi terroristi.
Traduzione e sintesi: Luciano Lago per controinformazione.info

Related posts

Il caso Aylan Kurdi,una donna racconta: “Ero in viaggio con Aylan e suo padre era lo scafista”

informazione-consapevole

Fondi regionali a favore delle vittime del Forteto in mano a un dirigente che lodò il modello di “famiglia funzionale” della comunità-setta e contestò la sentenza della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo

informazione-consapevole

Napolitano ha dato dei “coglioni” ai partiti e loro giù ad applaudire