Crea sito
analisi Beppe Grillo Idv il Fatto Quotidiano Italia legalità Luciano Violante Magistratura Movimento 5 Stelle opinioni politica populismo Senza categoria

IL POPULISMO IMMAGINARIO

Di Massimo Fini
 ilfattoquotidiano.it
Populismo giudiziario”, termine coniato, a quanto pare, da Luciano Violante, è diventato immediatamente il nuovo mantra (vedi, puntuale, l’articolo di Angelo Panebianco sul “Corriere” del 21/8) di quella vastissima e variegata “fairy band” di intellettuali, giornalisti e politici la cui principale ragione in ditta è attaccare la magistratura per sottrarre gli esponenti della classe dirigente al rispetto di quelle leggi cui tutti noi, sprezzantemente definiti “gente comune”, siamo invece tenuti. <

br />
Già il termine “populismo” è di definizione incerta e quanto mai vaga (“atteggiamento genericamente democratico e socialista, senza solide basi dottrinali” dice il Palazzi), ma il “populismo giudiziario” è un animale che, come “il tasso col sovrattasso” di una famosa, benché antica, vignetta di Giovanni Mosca, poteva nascere solo in Italia.

Il “populismo giudiziario”, come il “garantismo” e il “giustizialismo”, altri neologismi inventati negli anni Novanta ad usi dei politici inquisiti, indica qualcosa che semplicemente non esiste.

Nel caso invece in cui un magistrato non applichi la legge ma la distorca consapevolmente commette un reato gravissimo e, se se ne hanno gli estremi, va denunciato alla più vicina Procura della Repubblica competente per territorio. Ma questo non è mai avvenuto. Si preferisce parlare genericamente, e furbescamente, di “populismo giudiziario”. Violante, non contento di essersi inventato il “populismo giudiziario”, accusa “Il Fatto”, Grillo e Di Pietro di aver creato un blocco “che sta reindirizzando il risorgente populismo italiano”. Embè, se anche fosse, da quando in qua, in una democrazia, un movimento di opinione non è libero di esprimersi senza essere minacciato di garrota? In ogni caso “Fatto”, Cinque Stelle, Idv sono diversi per funzioni e contenuti, ma da una cosa sono accomunati: l’intransigente difesa del rispetto della legalità e, in particolare, del principio, basilare in una democrazia, dell’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. Perché la verità, al di là dei paralogismi paragiuridici di Violante e compari, è un’altra. E la conosciamo tutti benissimo.

Da quando, nel I992, la Magistratura italiana, liberata dalla repressione del consociativismo partitocratico grazie alla comparsa, dopo vent’anni, di un movimento di opposizione, la Lega, è andata a frugare anche fra le mutande sporche di “lorsignori” è in atto un feroce tentativo di rimetterle la mordacchia, con leggi “ad personam” e “ad personas”, ispezioni, provvedimenti disciplinari, accuse indimostrate e indimostrabili, minacce, insulti e truffe linguistiche: “garantismo”, “giustizialismo”, “indebita supplenza”, “uscire da Tangentopoli” – con un’amnistia naturalmente – “soluzione politica”, “pacificazione nazionale”. Ora è la volta del “populismo giudiziario”.

Fonte:Come Don Chisciotte

Related posts

Putin ai generali russi: “voglio il califfo dell’Isis Al Baghdadi a Mosca, vivo o morto”

informazione-consapevole

Illuminati Card Game:il mistero delle “carte degli Illuminati”

Il presidente del Parlamento dell’UE Martin Schulz: “Contro la persecuzione dei cristiani non si è agito come si dovrebbe”

informazione-consapevole