Crea sito
analisi Debito pubblico disoccupazione disoccupazione giovanile Economia fisco governo tecnico Italia opinioni politica pressione fiscale Speculazione spesa pubblica spread

Il Governo Monti? Un disastro. Disoccupazione alle stelle, come nel 1993


Di Martino
http://www.iljester.it/
Negli ultimi mesi stiamo infrangendo tutti i record negativi possibili. Spread, pressione fiscale, aumento vertiginoso della spesa pubblica, burocrazia, fuga di imprenditori all’estero, e ora persino la disoccupazione. E se qualcuno pensa che tra i diversi fenomeni appena elencati non vi sia relazione alcuna, ebbene si sbaglia. Esiste eccome.

Sul blog spesso ho accennato a questa “relazione”, ma è un bene ogni tanto ripassarla, affinché i lettori al momento del voto sappiano bene a chi dare e non dare fiducia.
Il vertice di questa vergognosa piramide è la spesa pubblica. In modo elementare, la spesa pubblica misura il grado di spreco del nostro paese. Più è alta e più lo Stato spende il denaro dei cittadini, e più ne spende e più si indebita. Con chi? Naturalmente con gli speculatori finanziari, gli investitori, e chi – italiano o straniero – acquista titoli del debito pubblico. Ecco dunque che entra in gioco lo spread. Più questo aumenta e più gli interessi sui titoli del debito pubblico sono alti, e più sono alti e più gli investitori e gli speculatori incassano denaro sul denaro.
Ma lo Stato per far fronte alla spesa pubblica, non usa solo i BOT e i BTP, usa pure la pressione fiscale. Il che comporta la seguente regola: più lo Stato spende e più tenderà ad aumentare la pressione fiscale, visto che deve pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici, la burocrazia, le opere pubbliche, i servizi pubblici, e persino gli interessi e il capitale sul debito pubblico, ai quali vanno aggiunte le sacche di privilegio della politica, delle istituzioni, degli alti funzionari e della magistratura: vere e proprie voragini di spesa, i cui capitoli non sempre sono trasparenti.
Davanti a un siffatto mastodonte immorale, a farne le spese sono sempre e solo i cittadini italiani, e in particolar modo il ceto produttivo: imprenditori e artigiani, i quali si vedono costretti a sopportare un sistema fiscale esoso e taglieggiatore. Al sud, poi, si aggrega pure la criminalità organizzata, che aggrava ancor più la già difficile situazione degli imprenditori con le sue attività criminali, il pizzo e il degrado. La conseguenza di tutto ciò è che gli imprenditori hanno solo due o tre opzioni: o falliscono, o evadono, oppure fuggono all’estero.
Il risultato ulteriore? Disoccupazione. Disoccupazione alle stelle. A luglio, per esempio, il tasso della disoccupazione giovanile tocca le vertiginose vette del 40%. Il più alto dal 1993. E al sud, la disoccupazione giovanile femminile arriva addirittura fino al 48%. Cioè su 100 ragazze tra i 15 e i 24 anni, 48 sono in cerca di lavoro (fonte ISTAT).
Il Governo Monti è stato e continua a essere un chiaro fallimento della politica italiana. Il disastro Italia lo comprova. Per salvare una moneta di cartastraccia e i privilegi della Casta, questo Governo ha demolito l’economia italiana, il tessuto produttivo del nostro paese e ha posto una pesante ipoteca sul futuro dei nostri giovani.  

Related posts

Accusa shock del Guardian: 70 atomiche Usa “custodite” nelle basi Nato in Italia

Oggi incontro Tsipras-Putin a Mosca

Se possiamo creare il nostro aldiquà, perché l’aldilà deve essere uguale per tutti ?

informazione-consapevole